Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 121.260.276
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 09/05/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 15 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Mercoledì 15 ottobre 2014 alle 17:00

Calolziocorte: sigilli alla Onyx, nominato il curatore. Si cerca una realtà interessata

Quella di ieri, martedì 14 ottobre, è stata l’ultima giornata di lavoro per i 156 dipendenti della Onyx Srl, società che nel 2010 ha acquisito la Erc Highlight. Da oggi i cancelli del sito di Calolziocorte sono chiusi, e solo se almeno un’altra realtà industriale dimostrerà un interessamento all’acquisto dell’azienda i lavoratori potranno ottenere la cassa integrazione.

L'ingresso dello stabilimento di Calolziocorte

Il fallimento della ditta è stato decretato dal Tribunale di Lecco lunedì 13 ottobre, con la nomina del dottor Marco Riva nel ruolo di curatore fallimentare. Martedì gli impianti sono stati messi in sicurezza, e da oggi i cancelli sono chiusi. I rappresentanti sindacali – Elena Rossi Fiom Cgil e Marco Oreggia Fim Cisl – hanno incontrato i dipendenti in assemblea ieri, e un nuovo incontro è in programma per il 20 ottobre. “La possibilità di attivare la procedura per la richiesta di cassa integrazione dipende da un eventuale interessamento di industriali nel rilevare l’attività” ha spiegato il funzionario Fim. “Appurare l’esistenza di ditte interessate è il prossimo passaggio. La situazione di quest’area del territorio è molto grave, con i fallimenti della Onyx e delle Trafilerie e altre aziende in cui si riscontra il mancato pagamento di stipendi e contributi al fondo pensionistico”. Nel sito che era della Erc Highlight – società subentrata a sua volta alla Erc dopo il fallimento – lavoravano per lo più donne, e per le famiglie di 156 persone ora si prospettano settimane di attesa per conoscere quale potrà essere il loro futuro. Il fallimento non ha mancato di sollevare aspre critiche tra gli stessi dipendenti, per la cessazione dell’attività nonostante ordinativi e clienti non manchino. I referenti sindacali auspicano un interessamento da parte dell’amministrazione comunale. “Siamo aperti al confronto, come già per le Trafilerie del Lario che sono state anche oggetto di un ordine del giorno in consiglio comunale” ha spiegato il sindaco Cesare Valsecchi. “La crisi della Onyx coinvolge tante famiglie, la speranza è quella di una possibilità perché possa continuare ad operare in paese”. L’adunanza per l’esame dello stato passivo aziendale di fronte al giudice è fissata per il prossimo 3 febbraio. Nelle prossime settimane i lavoratori avranno risposte su un futuro che si prospetta difficile.
Articoli correlati:
09.10.2014 - Calolzio: Onyx, la delusione dei dipendenti: ''gli ordini ci sono, ma noi senza stipendio''
07.10.2014 - Calolzio: Onyx Srl verso il fallimento, alla ex ''Erc'' assemblea con i 156 dipendenti
R.R.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco