Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 138.032.246
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 17 ottobre 2014 alle 19:08

Lecco: il 9 un presidio dinnanzi alla clinica Mangioni


Un presidio per chiedere alla Regione di non chiudere il punto nascite della clinica G.B. Mangioni di Lecco. Questa l’iniziativa spontanea organizzata da alcune “famiglie lecchesi” per il pomeriggio di domenica 9 novembre, proprio nella piazzetta che si trova di fronte all'ospedale. La volontà di chiudere la maternità della clinica è stata motivata dal Pirellone con la necessità di razionalizzare i punti nascita, chiudendo quelli che non raggiungono la soglia minima dei 500 parti all’anno. Una decisione che ha fin da subito suscita molte proteste sia tra i lavoratori della clinica - sarebbero 10 i posti a rischio se si confermasse l’ipotesi di chiusura - sia tra i lecchesi, sorpresi e rattristati per l'improvvisa notizia.
Accanto all'iniziativa del presidio, a cura di Easy Congressi Lecco per le famiglie, un'altro gruppo di mamme ha invece promosso una raccolta firme. Di seguito il loro comunicato.

La ventilata ipotesi di chiusura del reparto maternità della Clinica Mangioni di Lecco se, da un lato, ha provocato sconforto nella locale comunità e nelle realtà vicine, dall’ altro, ha fatto scaturire un movimento spontaneo e democratico di protesta volto a scongiurare il concretizzarsi di questa intenzione.
 La chiusura di questo reparto dell'importante struttura sanitaria locale appare come una ulteriore penalizzazione nei confronti non solo della città di Lecco ma anche di tutti i cittadini dei comuni della provincia, che si rivolgono alla struttura, per fruire di un confortevole e rilassante ricovero in un momento così fondamentale per la serenità delle proprie famiglie, la nascita di un figlio. Perché una donna ha il diritto di scegliere dove far nascere suo figlio.
Perché nonostante i numeri è un reparto che funziona.
Perché sono un valida alternativa all'ospedale.
Perché nonostante non ci siano rianimazione e terapia intensiva neonatale, sono presenti comunque professionisti in grado di gestire ogni evenienza. Perché per un'ostetrica lavorare in un posto in cui ha il contatto con la donna dall'inizio alla fine del suo percorso è molto gratificante.
Perché l'ambiente è familiare, accogliente e tranquillo.
È sempre stata un punto di riferimento dalla Valtellina alla Brianza. L'epidurale è garantita 24ore su 24.
Pertanto, si invitano le autorità preposte a rivedere il quadro delle scelte sanitarie regionali e, comunque, si manifesta la ferma e netta contrarietà alla paventata chiusura del reparto maternità della Clinica Mangioni.
Le mamme di Lecco dicono Sì al reperto maternità della clinica Mangioni, No alla sua chiusura!
La scelta di aiutare il reparto di maternità della Clinica Mangioni non contrasta con la decisione di poter scegliere l'Ospedale Manzoni.
Perché non avere due eccellenze? Perché eliminarne una?
Tante testimonianze le potete trovare nel gruppo fb amministrato da Luisa Sancineto, Roberta Pinchetti, Arely Polvara.:
https://www.facebook.com/groups/1501867793393890/ .
Per chi volesse contattarci, aiutarci nella raccolta firme può scriverci all'indirizzo mail: si.nascitemangioni@libero.it
Articoli correlati:
13.10.2014 - Nava e Piazza: non un fulmine a ciel sereno la chiusura della maternità della Mangioni
07.10.2014 - Lecco: alla fine dell'anno chiude il punto nascita della clinica Mangioni, lieti eventi in calo da tempo, solo 441 nel corso del '13
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco