Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 159.212.265
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 14 maggio 2014 alle 17:44

Lecco, Prc e Sel: mozione in difesa della scuola pubblica

Rifondazione comunista e Sel hanno depositato in Consiglio comunale a Lecco una mozione in difesa della scuola pubblica per chiedere che l’amministrazione comunale si attivi sulla regione per l’abolizione del buono scuola. La recente sentenza del TAR lombardo ha stabilito l’illegittimità del buono scuola definendolo discriminante nei confronti di chi frequenta istituti pubblici. La sproporzione è evidente: per l’acquisto di libri e materiale scolastico, la famiglia di un allievo iscritto alla scuola pubblica può sperare di ottenere un sostegno variabile tra i 60 e i 290 euro. A parità di reddito, se il ragazzo frequenta invece un istituto paritario, il sostegno della Regione parte da un minimo di 400 euro e può arrivare fino a 950. L’articolo 33 della Costituzione stabilisce che entità private possono istituire scuole ma senza oneri per lo Stato. La giunta Maroni per rifinanziare il buono scuola ha tagliato i fondi a sostegno del reddito: per oltre 1 milione di studenti della scuola pubblica 5 milioni di euro; per una nicchia di privilegiati, 99.000, che frequentano le scuole paritarie oltre 30 milioni. Mentre le scuole pubbliche hanno problemi di ogni tipo e continuano a chiedere integrazioni alle famiglie.
Ma non è solo questione di soldi: con questa iniziativa vogliamo riaffermare il superiore valore culturale e politico di una scuola pubblica, laica, aconfessionale ed aperta. Per questo riteniamo che anche a Lecco, finalmente, vada aperto un grande dibattito sul fiume di risorse che ogni anno l’amministrazione regala alle scuole confessionali, oltre 1.300.000, euro. Pensiamo che un’amministrazione che si dice progressista, a maggior ragione in tempi di crisi, abbia il dovere di tutelare prima la scuola pubblica per chi ha più bisogno. A sostegno di questa battaglia di civiltà che vogliamo aprire anche nella nostra città chiediamo l’appoggio di studenti, lavoratori, insegnanti e forze sindacali, famiglie e società civile.
 
Circolo Rifondazione Comunista Lecco/Giovani Comunisti Lecco
Circolo Sinistra, Ecologia e Libertà Lecco   
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco