Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.293.436
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 28/02/2021
Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 16 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Giovedì 23 ottobre 2014 alle 11:38

Maroni: questa "Legge di stupidità" va cambiata

La Lombardia è una Regione virtuosa, chenon merita i tagli lineari. Tutti i partiti presenti in Consiglio regionale, maggioranza e opposizione, hanno condiviso la mia posizione. E' una buona notizia". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, a margine della seduta di oggi dell'Assemblea regionale lombarda, chiamata a votare un Ordine del giorno sulla Legge di stabilità, nel quale, fra le altre cose, viene ribadita la necessità di applicare i costi standard.
Quella presa oggi, ha sottolineato il governatore, "è una posizione forte da parte della Lombardia, che faremo valere sul 'tavolo romano', affinché si cambi quella che io ho definito 'Legge di stupidità'".
Questa Legge di stabilità, così com'è, ha proseguito Maroni, "ci costringe o ad aumentare le imposte regionali (Irap, addizionali Irpef, ticket), cosa che non vogliamo fare, oppure ridurre i servizi. Mi auguro davvero che non venga approvata così com'è". "Nei mesi scorsi - ha raccontato - ho consegnato a Renzi un dossier intitolato 'Regione Lombardia, un modello che funziona e costa poco'. Se venisse copiato il nostro esempio, si risparmierebbero altro che 4 miliardi. Lo stesso vale per il numero dei dipendenti pubblici. Queste sono le buone prassi che vanno diffuse, i tagli lineari mortificano chi spende bene i propri soldi, come la Regione Lombardia".
Circa l'incontro fra Regioni e Governo proprio sulla Legge di Stabilità, in agenda questo giovedì, il presidente lombardo ha osservato che "a oggi il testo non si conosce. Se domani non viene pubblicato, è perfettamente inutile incontrare il Governo. Prima viene pubblicata la Legge, poi la studiamo per bene, visto che sembra ci siano altre novità negative per le Regioni oltre ai tagli lineari, infine apriamo il confronto".
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco