• Sei il visitatore n° 190.381.109
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 24 aprile 2018 alle 14:58

I carabinieri di Vimercate sgominano una baby gang che commetteva rapine sui treni. 6 episodi tra Airuno, Olgiate, Cernusco, Calolziocorte. 8 arrestati, sei sono minorenni

Il capitano Antonio Stanizzi, comandante la compagnia
carabinieri di Vimercate, cui si deve il coordinamento della
brillante indagine che ha portato a sgominare la baby gang
Sono 21 gli episodi contestati a 8 ragazzi (di cui sei minorenni) autori di altrettante rapine messe a segno in poco più di un mese, tra novembre e dicembre 2017, lungo la tratta ferroviaria Lecco-Milano. A sgominare la gang (composta da un italiano, due marocchini, due romeni e un egiziano), di cui facevano parte anche alcuni insospettabili studenti delle scuole superiori, sono stati i carabinieri della compagnia di Vimercate, coordinati dal capitano Antonio Stanizzi che questa mattina sono andati alle rispettive abitazioni degli indagati e li hanno prelevati sotto gli occhi increduli dei genitori che li stavano salutando mentre si apprestavano ad andare a scuola (uno di loro era ancora a letto e sotto il cuscino teneva un lungo coltello a serramanico, compatibile con quello utilizzato per le rapine).
Gli otto arrestatati sono stati tradotti in carcere (uno di loro maggiorenne era già detenuto, ndr) e dovranno ora rispondere a vario titolo di rapina a mano armata, sequestro di persona e minacce.

Di questi 21 episodi, 6 si sono consumati sulla tratta lecchese:
Airuno (1 episodio) Calolziocorte (1), Olgiate Molgora (2), Cernusco-Merate (2).
Il fatto più grave è stato quello consumatosi a Olgiate. Qui due dei componenti della banda hanno avvicinato un giovane che si trovava nel sottopasso della stazione. Dopo averlo minacciato pesantemente e avergli strappato il cellulare, lo hanno obbligato a seguirlo (di fatto sequestrandolo) e una volta arrivati ad un bancomat lo hanno costretto a prelevare la somma di 1000 euro. Ritornati in stazione lo hanno fatto salire sul primo treno in arrivo, senza cellulare in modo da non dargli tempo di chiamare tempestivamente il 112 e ritagliandosi così spazio per la fuga.
Sempre a Olgiate in un altro momento, un viaggiatore era stato derubato di 60 euro, dello smartphone e di un pacchetto di sigarette.
Ad Airuno erano stati depredati portafogli, tablet, cuffie a una persona che si trovava sul treno e che era stata minacciata con pistola e coltello. Così come alla stazione di Cernusco-Merate le due rapine avevano fruttato un cellulare e denaro contante.
La banda, che aveva colpito prevalentemente a Arcore, Carnate, Monza, si era spinta fino a Calolziocorte dove un viaggiatore era stato fermato e costretto a consegnare, sotto minaccia di una pistola e un coltello puntati, il portafoglio e il telefono cellulare.

Le indagini, portate avanti nelle settimane successive alle denunce sporte dalle vittime, si sono strette attorno alla baby gang, e hanno potuto avere un esito positivo grazie anche alle testimonianze delle vittime, alle immagini di videosorveglianza e ai riconoscimenti fotografici che hanno permesso ai militari del capitano Stanizzi di stringere il cerchio e notificare, questa mattina, le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal tribunale dei minorenni di Milano e dal tribunale di Monza.

S.V.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco