• Sei il visitatore n° 182.961.094
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 24 settembre 2018 alle 18:15

UIL Lario: cassa integrazione in calo in tutti i settori, ma non nel tessile

Cassa integrazione a picco in ogni settore produttivo, a Lecco, nei primi 8 mesi di quest'anno. In tutti tranne il tessile. Continuano dunque ad arrivare segnali positivi dal mondo del lavoro lecchese, dove la condizione dei lavoratori sembra sempre meno precaria. Como fa addirittura meglio nell'industria e nell'artigianato (anche se è la Provincia di Lecco a registrare la maggiore crescita generale) secondo l'8° rapporto elaborato dalla UIL del Lario nel 2018 che prende in considerazione i dati rilevati nel periodo tra gennaio e agosto, perciò i primi 8 mesi di quest'anno. Dando uno sguardo generale, e confrontando le due province, infatti, nell'industria la richiesta di cassa integrazione è calata, rispetto allo stesso periodo del 2017, del 24,3% a Como e del 10,5% a Lecco. Nell'edilizia Lecco registra il -43% e Como il -24,8%; nell'artigianato le ore di cassa integrazione scompaiono nel comasco (-100%), con la stessa tendenza - o quasi - riscontrata nel lecchese (-98,3%), dove è il commercio a far registrare il totale annullamento della cassa integrazione, mentre a Como lo stesso dato parla di un 88,1% in meno. C'è però ancora chi si distingue dall'andamento positivo del lavoro, ed è il caso del settore tessile che nel lecchese, tra gennaio ed agosto, è salito fino a 254,2% di richieste in più. A Como la situazione è più stabile, con un +12,8%. Tutto il resto, come detto, ha un segno meno davanti. E' il caso della cassa integrazione straordinaria che, ampliando il raggio di attenzione su tutti i settori, scende a Como del 40,6% e a Lecco del -3,5%. E quello della cassa in deroga, praticamente azzerata dopo la sua abrogazione: -99,8% a Como e -98,5% a Lecco. La situazione di quella ordinaria è invece in discesa del -27,2% a Lecco e del 12,9% a Como.

Per visualizzare il documento integrale diffuso dalla UIL del Lario, CLICCA QUI.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco