Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 69.774.080
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 19 giugno 2019 alle 12:16

In viaggio a tempo indeterminato/81: immersi tra i campi di tè

Non sono mai stata una grande intenditrice di tè, ma una tazza il pomeriggio me la sono sempre bevuta volentieri, magari con qualche biscotto o una fetta di torta.
Il tè lo sceglievo un po' a caso, tra le varie scatole di cartone accumulate dentro l'armadietto sopra il forno, comprate in base alle offerte del supermercato.
Non ho mai fatto caso alla marca o al tipo di tè ma mi ricordo che una scatoletta una volta aveva colpito la mia attenzione.
"TÈ DI DARJEELING" scritto in bianco su uno sfondo di colline verdi di piante da tè.
"Chissà dove è Darjeeling", avevo pensato.
Per poi dimenticarmene richiamata alla realtà dal suono del bollitore.
Poi nei giorni scorsi, guardando la mappa del nord dell'India, ho rivisto quel nome..."Darjeeling".
E mi è tornata in mente quella scatola nell'armadietto della cucina.
Mi è sembrato quasi un segno, come se qualcosa già nella mia "vecchia vita" mi dicesse che sarei dovuta venire qui, tra queste piantagioni di tè... o forse era solo colpa dell'offerta sul tè del supermercato!
Fatto sta che arrivati a Darjeeling, immersi tra i campi di tè e con le montagne innevate sullo sfondo, la prima cosa a cui ho pensato è "voglio bere una tazza di vero tè di Darjeeling".

Si dice che quello raccolto in questa zona dell'India, sia uno dei tè più buoni del mondo.
Il centro della città è pieno di negozi, bar e ristoranti che invitano ad assaggiare questa bevanda prelibata.
Ma noi, come spesso accade in questo viaggio, non potevamo fare un'esperienza "normale" e così ci siamo infilati in una situazione che dire assurda è dire poco!

VIDEO


Stavamo camminando tra i campi di tè, cercando di annusare le foglie inodore di quelle piante color verde lucido, mentre Paolo provava a parlare con un finto accento inglese.
Ad un tratto notiamo un baracchino che
da fuori sembra un normale negozio di caramelle, patatine e bibite come ce ne sono tantissimi in India.
Dall'entrata sbuca una signora.
Ha i capelli neri raccolti in uno chignon, un po' di trucco sugli occhi e un bel vestito colorato addosso.
"Volete assaggiare una tazza di tè di Darjeeling?"
Ci chiede con un bel sorriso sul viso.
Avrà una cinquantina d'anni e sembra il personaggio perfetto per una fiaba o per un film di fantasia.
Ovviamente un invito come quello non possiamo rifiutarlo, anche perché quel tè tanto famoso volevamo proprio assaggiarlo.
Così ci infiliamo in una piccola porticina e in un attimo ci ritroviamo catapultati in un luogo assurdo.
Drappi colorati alle pareti, due divani, un tavolino con una tovaglia di pizzo in mezzo alla stanza.
Poi peluche di cani e gatti che a primo impatto sono un po' "angoscianti".
Vasi con fiori finti, tendaggi ricamati e altre centinaia di oggetti che non riusciamo neanche a riconoscere.
E sì che da fuori sembrava solo un normale negozietto.
L'atmosfera all'interno di quella stanza è davvero surreale, ma per qualche strano e incomprensibile motivo ci sentiamo a nostro agio.
Probabilmente è la stessa sensazione che deve aver provato Alice nel Paese delle Meraviglie.

Straniti ma incuriositi ci sediamo sul divano. Passano due minuti e la signora del negozio/sala da tè ci mette tra le mani due tazze di porcellana, decorate con fiori.
All'interno un liquido dal colore dorato e un profumo intenso di tè leggermente affumicato.
Abbiamo tra le mani il tè di Darjeeeling, il tè più buono del mondo.
Sembra molto diverso da quello della bustina comprata al supermercato a Lecco, o forse è solo la situazione assurda in cui ci troviamo a farlo apparire così!
Lo beviamo lentamente senza zucchero né latte per assaporarlo meglio.
Un sorso alla volta come fosse la più preziosa delle pozioni.
"Super Fine Tippy Golden Flowery Orange Pekoe"
Dice velocemente e con una vocina stridula, la signora mentre beviamo i primi sorsi.
"Super Fine Tippy Golden Flowery Orange Pekoe"
Ripete come fosse una filastrocca e ci ricorda subito Mary Poppins con il suo supercalifragili.
Ci guardiamo un po' perplessi, ma lei continua...
"Super Fine Tippy Golden Flowery Orange Pekoe"
Siamo confusi... che ci stia facendo qualche incantesimo?!? Vista la stanza in cui ci troviamo tutto è possibile!
"Super Fine Tippy Golden Flowery Orange Pekoe"
Vedendo le nostre facce a metà tra il preoccupato e il curioso, aggiunge "è il nome del tè che viene raccolto in queste piantagioni. Quello che state bevendo!"
E continua a ripetere quelle parole per decine di volte, intervallandole a delle brevi risate.
Tiriamo un sospiro di sollievo, almeno abbiamo capito che non ci sta facendo un qualche strano incantesimo!
Ok, la situazione è diventata piuttosto... bizzarra.
Stringiamo quelle tazzine di ceramica tra le mani e piano piano sorseggiamo quel tè.
Non siamo grandi intenditori ma è davvero buono, riempie la bocca e lascia un piacevole retrogusto.
Nel frattempo sul tavolino davanti a noi sono comparse delle ciotoline piene di foglie scure.

La bizzarra signora, inizia a mostrarcele una a una facendocele annusare e spiegandoci le differenze.
C'è il tè bianco che è quello più pregiato.
Il tè verde che ha moltissime proprietà.
Il tè nero che è il preferito della signora.
Il tè raccolto a Marzo, che ha un sapore diverso del tè raccolto a Giugno.
Restiamo estasiati ad ascoltarla, con la nostra tazzina in mano.
Ma in che situazione siamo finiti? Volevamo solo assaggiare il tè di Darjeeling e invece stiamo assistendo a una vera spiegazione... siamo davvero fortunati.
A un certo punto, però, dalla stessa porticina in cui eravamo entrati noi, compaiono due ragazzi.
"Possiamo avere una tazza di tè?" Chiedono alla "signora del tè".
Prendiamo l'occasione per darci alla fuga, finiamo il nostro tè, ci alziamo e salutiamo.
Così in un attimo usciamo da quel mondo incantato fatto di tè, di colori, di filastrocche strane, dei sorrisi della signora.
E mentre camminiamo tra le piantagioni ci guardiamo e scoppiamo a ridere.
"Ma è successo davvero a noi?!?"
Non potevamo trovare modo più originale per assaggiare il tè più buono del mondo!

Le nostre avventure continuano ogni settimana su Leccoonline e ogni giorno sulla pagina Facebook e Instagram "Beyond the Trip".

Articoli correlati:
16.12.2017 - IN VIAGGIO A TEMPO INDETERMINATO
Angela&Paolo
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco