Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 69.948.062
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 24 giugno 2019 alle 15:24

AIPA Lecco al fianco dei pazienti di 'passaggio' ai medici di medicina generale

Il direttivo AIPA Lecco, nel perseguire costantemente ogni iniziativa volta al miglioramento della qualità di vita dei soci, dei pazienti in TAO e dei loro familiari, considerando che da tempo è in atto il passaggio della sorveglianza di alcune persone ai medici di Medicina Generale, ha finanziato, in accordo con la Direzione Generale dell’Ospedale Alessandro Manzoni di Lecco, un programma - scaricabile dalla piattaforma internet dell’ospedale - per la gestione della terapia, messo a disposizione dei medici di base.


La palestra riabilitiva del reparto di Cardiologia sostenuta da AIPA

Il corso in questione, denominato “FAD”, è stato realizzato da una ditta specializzata nel settore con la consulenza e l'approvazione dei medici del centro TAO. La spesa, per questa come per altre iniziative di cui beneficiano non solo gli associati ma tutti i pazienti che ne hanno bisogno - si vedano le attrezzature della palestra riabilitativa di Cardiologia, il poligrafo per la Cardiochirurgia (in collaborazione con l’associazione Amici dell’Ospedale), la fornitura iniziale di coagulometri e relativi software alla Casa di Riposo Madonna della Neve di Premana - è stata sostenuta direttamente da AIPA.
Il passaggio di alcuni pazienti TAO ai Medici di Medicina Generale, definito “decentramento”, è congruente con uno dei primi impegni del sodalizio, sempre in accordo con la Direzione Generale dell’Ospedale e dell’allora ASL, ovvero quello di aprire ai prelievi i presidi di Bellano, Colico, Calolziocorte, Galbiate, Introbio, Mandello, Merate, Oggiono, Olginate, Premana e Valmadrera. In tal modo, i pazienti residenti in questi paesi e in quelli limitrofi non sono più stati costretti a percorrere chilometri per recarsi al nosocomio di Lecco, né a lunghe attese per il prelievo, evitando il sovraffollamento del centro TAO e ulteriori disagi ai pazienti e agli eventuali accompagnatori.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco