Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 77.326.511
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 10 luglio 2019 alle 16:25

Calolzio: dal 14, ''arte a cielo aperto'' al Lavello con le opere di 3 scultori

Dal 14 luglio al 30 settembre, il Lavello di Calolziocorte diventerà un museo all’aperto con le sculture di Antonio Guerra, Pietro Formenti e dell’amico Mauro Benatti, purtroppo scomparso nel 2014. Le opere, tutte di discrete dimensioni, sono realizzate, come dice il titolo della mostra, in pietra, ferro e legno. L'esposizione è collocata in parte nel complesso conventuale, in parte lungo i portici dell’osteria Marascia oltre che nel sagrato e sotto i portici della chiesa. Il Lavello è un luogo dove la storia da sempre si intreccia con l’arte: dal castello ricordato in un documento del 1014, alla chiesa sorta sulle sue ceneri per arrivare agli affreschi restaurati della chiesa attuale, dedicata alla Madonna: è il luogo che ha accolto le prime mostre d’arte del territorio organizzate dal Centro Culturale "Il Lavello", ma è stato scelto anche per il fascino intrinseco della natura che fa mostra di sé: "Arte a cielo aperto" darà modo a tutti di vedere le opere degli artisti che utilizzando pietra, ferro e legno, doni della natura, ridonano alla stessa natura ciò che è stato dato loro.



Mauro Benatti nasce ad Airuno nel 1947. La passione per “le belle arti” lo fa iscrivere, alla fine degli anni '70, alla “Scuola d'arte pura e applicata” di Merate dove da allievo diventerà maestro. Le sue materie d’insegnamento sono “copia dal vero” e “figura”: è l'acquerello la tecnica preferita inizialmente ma nel 1987 un incarico affidatogli per preparare una serie di manichini per la sfilata di moda “Pitti uomo” lo porta verso la scultura. La finissima e aerea tela di ferro che utilizza gli ispira “Icaro”, opera-simbolo del suo percorso artistico. Mauro modella le sue opere con materiali e tecniche diverse spesso recuperando materiali considerati di “scarto” che, nelle sue mani, si trasformano in sculture davvero uniche e originali.
Pietro Formenti nasce a Brivio nel 1951. E' da sempre appassionato di disegno e pittura figurativa che approfondisce negli anni frequentando scuole d’arte: è però l’amico Mauro Benatti che lo instraderà verso la scultura che diventerà la sua forma d’arte preferita. Pietro utilizza sia ferro sia legno che abbina spesso nelle sue opere, ma è il secondo il materiale privilegiato, in particolare quello di cirmolo e di cedro. I suoi soggetti spaziano anche nel mondo animale. I gufi sono i prediletti e li scolpisce spesso in luoghi montani o direttamente su tronchi di alberi che rimangono dove sono cresciuti; in coppia con altri scultori, fra cui Mauro, ha realizzato sculture di ghiaccio anche di notevoli dimensioni.
Antonio Guerra nasce a Lecco nel 1963. E' la scultura che predilige sin dall’infanzia: i fiori dei prati, intagliati da bambino, sono sostituiti dalla fiamma e dalla figura femminile, principale musa ispiratrice delle sue opere. Il legno, ma in primis marmo e altre pietre, sono i materiali usati a cui si aggiunge il ferro, scelto soprattutto per le opere pubbliche tra cui “Natività”, creata appositamente nel 1995 per il convento del Lavello, per arrivare a “Dna - La spirale della vita” realizzata nel 2016 per Telethon. Particolarmente cara all'artista è l'Abbraccio, in marmo bianco di Carrara, datata 2005 e collocata nel Comune di Vercurago.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco