Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.875.107
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 07/03/2021
Merate: 30 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 24 µg/mc
Scritto Mercoledì 14 agosto 2019 alle 13:43

Contributi per 690.000 euro a 7 comuni per sistemare altrettanti sentieri

Il GAL 4 Parchi ha dichiarato ammissibili e poi finanziato i progetti presentati da sette comuni della Provincia di Lecco nell'ambito del bando relativo ad "Infrastrutture destinate allo sviluppo del settore agroforestale". 868.159,83 euro il valore complessivo dell'investimento, coperto con un'iniezione di liquidità da parte di Regione Lombardia, tramite l'Ente, per poco più di 690.000 euro.

Clicca sulla tabella per ingrandirla

Tra i camminamenti che verranno sistemati nell'ottica di conservarli e renderli maggiormente fruibili, risale addirittura all'epoca romana quello di Civate: "andremo a sistemare l'antica strada tra la frazione Pozzo e Cascina Baroncello" ha spiegato il sindaco Angelo Isella ricordando come verrà rifatta la pavimentazione mettendo mano anche ai muri laterali lungo un tratto di sentiero che rientrava nell'originale percorso Aquileia-Como che scorreva più a monte rispetto alla ben più recente strada di collegamento con il capoluogo lariano. Piccolo agglomerato di vecchie cascine, la frazione di Pozzo, allora ospitava anche un'osteria al servizio dei viandanti, arrivati lassù percorrendo una ripida salita. Nel tempo, poi, la locanda si è trasformata in un luogo di accoglienza anche per i pellegrini che giungevano a Civate per onorare le reliquie di San Pietro e San Calogero, auspicando nell'indulgenza ad esse legate. "Aspettavamo da tempo l'ufficialità di questo contributo che ci permetterà di dare seguito a un progetto che ha una valenza anche in ottica turistica" ha chiosato il primo cittadino, pronto a incassare e investire entro l'inizio del prossimo anno i 71.020,00 € destinati a Civate a fronte di un intervento complessivo stimato in 95.500 euro.

Un paio di immagini del sentiero a Civate oggetto del restyling

Sono frutto della "stessa mano", poi, i disegni candidati dai Comune di Carenno e Erve, realizzati in proprio attraverso l'Ufficio tecnico convenzionato (anche con Monte Marenzo). La prima municipalità, retta dal sindaco Luca Pigazzini, con i 124.891,47 euro ottenuti a fronte di un investimento di 200.000 euro andrà a ammodernare la pista forestale che da località San Carlo si snoda fino a località Fornace, con contestuale ripristino del limitrofo alveo de torrente.
A Erve invece i lavori - da 95.000 euro di cui 71.949,25 € coperti dal GAL - riguarderanno la strada del Corno, nel tratto che dal cimitero va verso la Cappelletta. Il tracciato verrà ricalibrato, arrivando ad una larghezza - fino ad un determinato punto - di 2.5 metri.
Regione - tramite altra linea di finanziamento - sosterrà poi la messa in sicurezza anche di via Resegone. "Il progetto prevede la formazione di una scogliera con riassetto dell'alveo del torrente e la posa di guard rail in acciaio e legno" ha spiegato il sindaco Gian Carlo Valsecchi. "Il costo dell'intervento è di 40.000 € di cui 36.000 a carico della Regione. Con la realizzazione di quest'opera verrà completata la messa in sicurezza di tutta via che rappresenta un "biglietto da visita"per i numerosi escursionisti che si recano lungo il Galavesa verso il Resegone".
Medesimo progetto, spezzato in due solo per ragioni burocratiche - quello presentato da Olginate e Valgreghentino: i contributi ottenuto saranno usati infatti per riqualificare la strada agro silvo-pastorale che da Consonno raggiunge Dozio. Superiore, nel complesso, ai 100.000 euro "l'auto" ottenuto dalle due municipalità che concorreranno alla spesa con fondi propri rispettivamente per ulteriori 28.653 euro e 19.613 euro, a copertura dell'IVA.
Anche le risorse ottenute dai comuni di Colle Brianza ed Ello saranno utilizzate per un progetto condiviso: la sistemazione di una strada agro silvo-pastorale che collega la frazione di Ravellino a località Marconaga. Un intervento molto importante che permetterà di risolvere diverse criticità presenti in quella zona. Infatti, la strada che si snoda ai lati del torrente Gandaloglio corre lungo un versante collinare che in passato è stato più volte interessato da cedimenti franosi.
Il finanziamento ottenuto per realizzare le opere è di circa 311mila euro complessivi, ripartiti in modo sostanzialmente uguale fra i due comuni. Risorse che, non essendo comunque sufficienti a realizzare tutte le opere, verranno parzialmente integrate da entrambe le Amministrazioni. "Abbiamo 120 giorni - ha spiegato Ettore Anghileri, Vicesindaco di Colle Brianza - per presentare il progetto definitivo. Complessivamente per il comune di Colle Brianza il costo dell'intervento sarà di circa 220mila euro. I 157mila ottenuti dal bando saranno quindi integrati con la variazione di bilancio che abbiamo predisposto a fine luglio. Il 21 di agosto inizieranno le opere di rilievo del tracciato. I lavori interesseranno una parte di territorio che è stato soggetto di una frana tempo fa. Quindi si procederà al rifacimento della pavimentazione della strada fra Ravellino e Marconaga".
La strada, il cui tratto nel comune di Colle è di circa 700 metri, è attualmente sterrata e solo in piccoli tratti pavimentata. Resterà un percorso boschivo e agricolo. Verrà rifatto il selciato senza nessun intervento invasivo che potrebbe stravolgerne la sua funzione originaria. La sistemazione del tracciato permetterà alle due Amministrazioni di procedere anche alla messa in sicurezza dell'intero versante della collina con la realizzazione di strutture per consolidare il terreno franoso.
"La strada - ha spiegato il sindaco di Ello Virginio Colombo - dal lato del versante del torrente Gandaloglio è in pericolo. Il torrente ha eroso e scavato il terreno, c'è il rischio che scenda a valle. L' intervento prevederà anche il contenimento del versante. Per poterlo attuare in passato il comune di Ello ha già provveduto al rifacimento del ponte in località Bosina".
Oltre agli smottamenti del terreno, negli scorsi anni si erano verificate delle problematiche di contenimento delle acque piovane che scendevano a valle. Grazie al finanziamento del Gal verranno predisposte delle strutture di regimentazione del torrente e la predisposizione di opere per il contenimento delle acque piovane. Anche l'Amministrazione di Ello ha stanziato ulteriori risorse per la realizzazione dell'intervento. I 154mila euro ottenuti attraverso il bando verranno integrati con circa 24mila euro provenienti dalle casse comunali. In questo modo saranno raggiunti i 178mila complessivamente necessari per svolere i lavori previsti nel proprio territorio comunale.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco