Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 83.245.593
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 19 settembre 2019 alle 13:36

Ascolto Valmadrera: il Comitato Cittadini perplesso sul progetto di Parè, si pensa a un 'referendum'

Cristian Piani
"Su Parè ci stiamo chiarendo le idee rispetto a quale sia il disegno che l'Amministrazione comunale ha in mente. A fronte di una nostra richiesta di accesso agli atti, ci risulta vi sia solo il progetto del Politecnico di Milano, sul quale abbiamo moltissime perplessità". E' questo che Cristian Piani, portavoce del gruppo d'opposizione consiliare "Ascolto Valmadrera", ha dichiarato in merito all'imponente progetto di riqualificazione del "pratone" della frazione. Il gruppo di minoranza pensa infatti a un referendum: "Stiamo preparando una proposta, in termini di linee di indirizzo, da sottoporre ai cittadini sotto forma di sondaggio e quindi alla maggioranza. Ricalcheremo le linee guida già presentate durante la campagna elettorale, arricchendole con i numerosi spunti che abbiamo ricevuto dai valmadreresi in queste settimane".
Un tema, quello dei parchi cittadini, su cui il Comitato Cittadini di "Ascolto" ha inoltre già interrogato la Giunta: "Sullo stato del parco pubblico San Francesco della frazione San Dionigi non abbiamo ottenuto risposta soddisfacente", ha commentato Piani. "Abbiamo raccolto ulteriori testimonianze di criticità dovute alla scarsa manutenzione del patrimonio pubblico. Procederemo presentando le evidenze all'Amministrazione, perchè riteniamo che costruire senza avere un piano di manutenzione ordinaria sia deleterio. Non è sufficiente, né quantomeno accettabile, accontentarsi di interventi di manutenzione straordinaria: serve un piano condiviso e trasversale a lungo termine, con risorse ben identificabili nel bilancio".
Quanto alle Commissioni Consiliari, fa sapere il portavoce, "in ambito di Commissione Bilancio abbiamo proposto a tutti i membri di adottare il principio della suddivisione equa delle presidenze (una per ogni gruppo consiliare). Riteniamo che questo principio sia rispettoso dei risultati ottenuti alle elezioni, che hanno visto i tre candidati sindaci all'interno di una forbice di circa 400 voti, nonché in ottica di rispetto del dovere di controllo e vigilanza dei consiglieri di opposizione".
La maggioranza non ha però accettato questa proposta, rivendicando il diritto di mantenere per sé le tre presidenze e lasciare all'opposizione le tre vicepresidenze. "Non siamo d'accordo e motiveremo ulteriormente la nostra posizione anche nelle prossime Commissioni. Se veramente si vuole il contributo delle opposizioni, non si deve avere paura di affidargli delle presidenze, riunirle con le tempistiche corrette e garantire loro la possibilità di valutare i documenti in modo approfondito prima di affidarli al voto del Consiglio Comunale. Le critiche sull'operato dell'opposizione sono aria fritta se non si concede il giusto spazio di approfondimento".
Da ultimo, spazio alle modifiche organizzative interne: sarà Alberto Vassena a coordinare gli approfondimenti sulla forma giuridica e organizzativa da dare all'attuale Comitato Cittadini di "Ascolto Valmadrera". Vassena collaborerà proprio con Cristian Piani e Livio Dell'Oro, con l'impegno di rilasciare una proposta entro un mese al gruppo consigliare, composto da Guido Villa e Mauro Dell'Oro. Come preannunciato, ci saranno tre commissioni interne che si rifaranno ai tre ambiti già previsti in campagna elettorale: Attività, Luoghi e Comunità.
M.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco