Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.297.516
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 28/02/2021
Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 16 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Lunedì 30 settembre 2019 alle 11:27

Cremeno-Cassina: in Parrocchia Fratel Costantino degli Amici di San Rocco

La Parrocchia di Cremeno e di Cassina ha accolto questa domenica la visita di Fratel Costantino, fondatore dell’Associazione Europea Amici di San Rocco. Fratel Costantino ha fatto visita a Don Alfredo Comi presso la Clinica “Beato Luigi Talamoni” in Lecco per portare un saluto e un po' di conforto per il percorso di riabilitazione che il sacerdote sta vivendo. Nella serata di sabato si è poi spostato nella comunità di Casargo in occasione delle iniziative di #ForzaCasargo per sostenere il ritorno alla normalità della comunità colpita dalle alluvioni di agosto.



Domenica mattina nella Chiesa di San Giorgio in Cremeno ha incontrato i devoti di San Rocco in un momento di riflessione sulla vita e la figura del Santo, che ha abbandonato le ricchezze per farsi pellegrino e prossimo verso gli altri. Fratel Costantino ha poi continuato spiegando che San Rocco ha davvero vissuto il Vangelo: amando e perdonando, ha combattuto il male per tutta la sua esistenza e lo ha fatto sapientemente, come il Signore, con l’umiltà, con l’obbedienza, con la croce, offrendo il dolore per amore.
"Tutti ne sono ammirati, ma pochi lo imitano: molti sono disposti a mettere un "mi piace" sulla pagina dei santi, ma chi ne segue le loro orme? Molti si professano devoti, ma chi è davvero disposto ad imitarne le virtù?" ha riflettuto Fratel Costantino. "Perché la vita cristiana non è un "mi piace", ma dovrebbe essere un "mi dono". La nostra esistenza profuma solo quando è offerta in dono e diventa insipida quando è tenuta per sé".



Fratel Costantino ha poi aggiunto che l’azione dell’Associazione Europea Amici di San Rocco vuole proporre un San Rocco che, con la sua testimonianza, possa rinnovare la nostra povera esistenza. Ha poi concluso l’incontro auspicando che, anche nei devoti della comunità di Cremeno e di Cassina, possa nascere questo rinnovamento interiore capace di concretizzarsi in opere di carità fattiva per essere un giorno accolti in paradiso nella gloria dei Beati.
Al termine di questa giornata particolare, la comunità ringrazia il Parroco Don Lucio e i suoi collaboratori pastorali per averle consentito di condividere questo incontro di spiritualità e di conoscenza della vita del Santo compatrono, oltre che l’Amministrazione Comunale per aver partecipato in segno di condivisione, e la Schola Cantorum "San Giorgio" che ha intonato l’inno di San Rocco composto dal maestro Massimo Borassi. Il pellegrinaggio di Fratel Costantino prosegue ora nella parrocchia di Barzana, nella Diocesi Bergamo.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco