Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 86.064.983
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 08 ottobre 2019 alle 19:09

Prolungamento della Est, ci fosse ancora Fantozzi direbbe: 'Una cagata pazzesca'

Il dovere di cronaca ci impone di dare tutte le notizie. Anche quelle più mirabolanti, purché di provenienza certificata. Ma il buon senso ci obbliga a commentarle.
Prendiamo l’ultima, davvero incredibile: il prolungamento della tangenziale Est da Usmate a Olginate. A raccontare la fiaba, niente meno che il presidente della provincia Claudio Usuelli e i consiglieri delegati alla viabilità Mattia Micheli e alla pianificazione Bruno Crippa. Ad ascoltarla i sindaci o loro rappresentanti dei comuni di: Olginate, Valgreghentino, Brivio, Calco, Cernusco, La valletta, Lomagna, Merate, Olgiate, Osnago, Paderno, Robbiate, Santa Maria, Verderio. Presente, naturalmente, il tecnico Angelo Valsecchi oltre alla dottoressa Barbara Funghini.
Dunque una cosa seria, ma seria davvero. Invece, a nostro parere, e per dirla alla Fantozzi, è “una cagata pazzesca”. Intendiamoci, relatori e uditori sono tutti in buona fede. Ma 16 chilometri in galleria – peraltro vecchia proposta di Antonio Conrater – non si realizzeranno mai. Una prima stima di massima – qualcosa di più di gettare i dadi – parla di 2 miliardi. Capito? Due miliardi. Per completare la Lecco-Bergamo, il cui avvio dei lavori si perde nella notte dei tempi, mancano una manciata di milioni. E non si va avanti.
Figuriamoci se il ministero delle infrastrutture, con tutti i cantieri di valenza interegionale da riaprire, riesce a mettere assieme due miliardi per un collegamento locale, per quanto sospinto dalle possibili olimpiadi invernali.
Piuttosto tutti questi politici assieme, di una parte e dell’altra, si presentino in regione e pretendano che Trenord faccia viaggiare i convogli a frequenza maggiore – sul modello metropolitano – con puntualità e qualche confort. E se proprio qualche milione si trova lo si utilizzi per il sottopasso della Sernovella e di Ronco. I lavoratori che si spostano sulle nostre strade già intasate, ringrazieranno di cuore.
Claudio Brambilla
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco