Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 83.245.717
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 01 novembre 2019 alle 17:55

Ascolto Valmadrera: mozione a favore del ''plastic free''

diddscalia
Meno plastica in municipio, nelle scuole e agli eventi pubblici. E’ quanto richiesto dal gruppo consiliare d'opposizione "Ascolto Valmadrera", pronto a dare battaglia sul tema ambientale con una mozione “plastic free” di cui è stata richiesta iscrizione all'ordine del giorno del primo Consiglio Comunale utile.
“Tenuto conto che l’utilizzo negli uffici pubblici di sole stoviglie compostabili e di prodotti ed imballaggi biodegradabili possibilmente ottenuti utilizzando materie prime di recupero permetterebbe di ridurre al minimo i rifiuti prodotti, oltre alla possibilità oggi offerta dai sistemi di raccolta differenziata di riciclare i materiali plastici non può essere l’alibi per continuare a produrre e consumare esorbitanti quantitativi di plastica, la Pubblica Amministrazione deve dare il buon esempio e può impegnarsi fattivamente in tal senso”, si legge nel testo della mozione a firma di Guido Villa e Mauro Dell’Oro.
Sulla base anche della campagna Plastic Free avviata nel giugno 2018 dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, invitando ufficialmente tutte le Istituzioni di qualsiasi livello governativo, Regioni, Città metropolitane, Comuni, a concretizzare il proprio impegno per liberarsi dalla plastica, il gruppo Ascolto Valmadrera propone al Sindaco e alla Giunta di:

- adottare una politica di acquisti pubblici verdi che riduca l’acquisto di materiali plastici ove questi siano sostituibili da materiali prodotti con materie prime a minor impatto ambientale, oltre a sistemi di gestione delle mense scolastiche che riducano l’uso di materie plastiche, favorendo l’uso di stoviglie lavabili o in subordine l’uso di materiale compostabile;

- disporre che per le future forniture di materiali monouso, i capitolati di gara escludano espressamente la possibilità di acquisto di materiali non biocompostabili;

- vigilare affinché in tutti i luoghi di incontro, aggregazione e servizio posti nel territorio comunale (scuole, centri sportivi, centri parrocchiali, centri di aggregazione, centri anziani, spiagge) vengano scrupolosamente adottate le pratiche di raccolta differenziata e siano messi in pratica comportamenti “plastic free”;

- sviluppare una campagna comunicativa pubblica per favorire tra i Valmadreresi comportamenti plastic-free sia in fase di acquisto che in fase di consumo;

- distribuire agli studenti delle scuole Valmadreresi di ogni ordine e grado borracce di acciaio in sostituzione delle inquinanti bottigliette di plastica monouso;

- coinvolgere le associazioni di volontariato presenti nel territorio, e in particolare quelle a finalità ambientale, nello sviluppo delle politiche “plastic-free” sviluppate dall’amministrazione;

- adottare un regolamento sul Plastic Free, emulando discipline organiche di altri comuni, dando un tempo congruo agli esercenti per l’attuazione, in condivisione con le associazioni di categoria, comunque non oltre il primo trimestre 2020.”

- eliminare le bottiglie di plastica monouso presso tutte la sede comunale ed uffici ad essa connessa, comprese le sale conferenze pubbliche ed i centri civici, e introduzione dell’uso di bottiglie in vetro; sostituire i bicchieri in plastica monouso con bicchieri di carta presso distributori automatici di caffè o bevande all’interno della sede comunale ed uffici ad essa connessa, comprese le sale conferenze pubbliche ed i centri civici;

- vietare tramite ordinanza l’udo di materiali plastici non compostabili per le manifestazioni, le sagre, gli eventi organizzati sul territorio comunale; più precisamente che le stoviglie (piatti, bicchieri e posate) siano di materiali biodegradabili e compostabili di derivazione vegetale, quali Mater-Bi, cellulosa, PLA, con certificazione EN 13432 e che tovaglie e tovaglioli in carta riciclata o completamente compostabili a norma EN 13432;

- attivare una campagna informativa indirizzata alle scuole di ogni ordine e grado presenti nel territorio al fine di scoraggiare l’uso della plastica monouso.
M.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco