Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 77.805.202
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 05 novembre 2019 alle 10:21

Lecco: tre cori al 22° Concerto del Santuario della Vittoria

Ha avuto un particolare ricordo, nel 22° concerto del Santuario della Vittoria, il centenario della sezione lecchese dei Mutilati ed Invalidi di Guerra, fondata nell’autunno 1919, per iniziativa del giovane tenente Dante Airoldi, che ne sarà poi il presidente per oltre mezzo secolo.

La cerimonia ufficiale di costituzione della sede di Lecco avrà luogo domenica 10 novembre, alle ore 10, presso il Palazzo delle Paure, in piazza XX Settembre. Il concerto è stato aperto dal Coro Alpino Lecchese, diretto dal maestro Francesco Bussani, che nei sei brani eseguiti ha avuto un particolare ricordo per tutti i Caduti sepolti nella cripta della Vittoria, con il brano “Stellutis Alpinis” e per i Mutilati ed Invalidi di Guerra, con il canto “Suspir da l’anime”.

VIDEO

https://youtu.be/woYirCam-_Q

Nella presentazione dei vari brani vi è stato poi un particolare ricordo per il professor Giancarlo Rumi, astrofisico spaziale, fedelissimo del Santuario, dove ricordava di essere stato presente, ragazzo di 12 anni, alla solenne consacrazione da parte del cardinale Ildefonso Schuster, all’alba del 5 novembre 1932. E’ stato anche ricordato Mario Ronzoni, volontario di San Nicolò; la sorella Gabriella ha sposato il compianto corista Walter Orsatti, voce storica del coro, tra i ventenni della prima ora del nascente gruppo presso l’oratorio San Luigi, nel 1951.

Inserita nella più autentica e profonda tradizione delle penne nere, dal “Testamento del capitano” al “Valore alpino – Trentatre”, è stata l’esecuzione del Coro il Rifugio Città di Seregno, collegato al locale gruppo ANA, diretto dal maestro Fabio Triulzi. Ha fatto eccezione l’armonizzazione del maestro Triulzi che ha accompagnato l’esecuzione di “Deus ti salvet Maria”, brano di religiosità popolare della Madonna nell’isola di Sardegna.

Il Coro ANA Valle San Martino di Cisano Bergamasco ha ricordato nel concerto del Santuario i suoi 50 anni, essendo stato costituito nel 1969. Partecipava per la quarta volta al concerto lecchese, dopo essere stato già presente nel 2007, 2010, 2014. Singolare la presentazione al concerto del coro stesso, che dal 2017 è diretto dal maestro Fabio Piazzalunga: ha, infatti interpretato il primo brano in fondo alla chiesa, il seconda a metà della navata, per raggiungere poi l’altare centrale con gli ultimi quattro brani. Il Coro Valle San Martino ha eseguito “Fiabe”, ispirato ad una dolce composizione poetica dove il vecchio gelso ricama con il sole.

Non sono mancati i brani della più autentica tradizione montanara come “Ho pregato la bella stella” e “Le rose di primavera” E’ stato ricordato che il coro organizza una rassegna di musica corale e un “Natale a Cisano”, che vedono la partecipazione di complessi nazionali ed internazionali. Il concerto è stato presentato, come avviene sin dalla prima edizione, da Aloisio Bonfanti.

All’inizio della serata vi è stata l’introduzione del rettore del Santuario mons. Angelo Brizzolari, che ha richiamato la profonda devozione mariana che accompagna lo stesso dalla consacrazione all’alba del 5 novembre 1932 e dal presidente Assoarma gr. uff. Filippo Di Lelio, che ha curato anche quest’anno la parte organizzativa. Il Comune di Lecco era rappresentato dall’assessore Chiara Fusi, nipote della compianta cav. Maria Fusi, promotrice della campana dei Caduti e della Pace, che ogni sera fa scendere sulla città lenti e solenni rintocchi.

Numerosa la rappresentanza delle associazioni d’arma, con Giovanni Marco Mauri, presidente dei Mutilati, Giovanni Bartolozzi, presidente dell’UNUCI e dell’Arma di Cavalleria, Mario Nasatti, presidente del Nastro Azzurro e capo gruppo ANA di Valmadrera, Umberto Riva, presidente degli autieri, con la carica di delegato per la Lombardia. Numerosa la rappresentanza delle Fiamme Gialle in congedo che vedono alla presidenza il gr. uff. Filippo Di Lelio. La serata si è conclusa con lo scambio di gagliardetti ed oggetti ricordo fra le corali partecipanti e con l’esecuzione, a cori riuniti, del popolare brano “Signore delle cime”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco