Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 77.697.048
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 06 novembre 2019 alle 13:12

Torre de' Busi: il 10 il ''Tour del Gusto, Impronte di Storia''

Un progetto di promozione territoriale sui luoghi di Papa Giovanni XXIII, in cui il santuario a lui dedicato e la via che da esso conduce fino a Cisano Bergamasco siano lo spunto per dare la giusta visibilità a un territorio ricco di storia, cultura, natura, sport, enogastronomia: quello della “Via Giovannea” è uno sforzo corale dei Comuni di questa zona per dare un nuovo respiro turistico a un’intera area geografica che ha molto da offrire, spesso più di quanto il pubblico non percepisca.
Dopo “Il sentiero dei gusti” e la camminata “Sulle orme di Papa Giovanni XXIII”, domenica 10 novembre sarà la volta dell’evento “Tour del Gusto, Impronte di Storia”, una giornata tra storia, cultura ed enogastronomia che vedrà protagonisti la località Borgo Casarola, il Plesso storico di San Michele e l’Oratorio di Santo Stefano a Torre de’ Busi. Da segnalare che per questa occasione avverrà l’apertura straordinaria e per la prima volta del Castello “Fracassetti”, edificio quattrocentesco che alcuni ritengono possa esser stato la dimora dell’Innominato nei Promessi Sposi manzoniani, il tutto accompagnato dalle proposte dei produttori agricoli locali, dalle degustazioni di vino guidate e da piatti della tradizione come le lumache trifolate con polenta o la Miascia, torta tipica lombarda, con ricette diversificate in base ai territori.
“Questo evento è al centro di un più vasto e articolato progetto di promozione territoriale che punta a dare visibilità alle bellezze di questo territorio dal punto di vista storico e culturale, ma non solo – spiega il sindaco di Torre de’ Busi, Eleonora Ninkovic –. Oltre a edifici, monumenti e iniziative culturali troviamo qui un patrimonio umano notevole: parliamo di strutture ricettive come ristoranti e agriturismi, ma anche di una vera e propria rinascita di attività legate all’agricoltura di qualità, spesso portate avanti da giovani che si riavvicinano alla terra portando innovazione, puntando sul biologico e su nuove modalità produttive rispettose dell’ambiente e dell’uomo. Stimolare l’interesse verso questo territorio – noto in particolare per la strada percorsa da Papa Giovanni XXIII in gioventù – per noi significa sia incentivare l’interesse turistico, portando un indotto importante per tutti gli attori in gioco, sia qualche speranza di reperire quelle risorse necessarie a recuperare il nostro patrimonio architettonico e storico, dando vita a un circolo virtuoso, perlomeno è ciò in cui crediamo. Questa iniziativa vede un grande coinvolgimento territoriale: dalla Consulta Turismo del Comune, ai viticoltori, ai sempre preziosissimi Alpini, alle realtà locali all'Associazione Agricoltori Valle San Martino che forniscono cibi: tutti prodotti locali di stagione e davvero a km zero. Le proposte per le bevande saranno la birra artigianale Logos di Caprino Bergamasco, il Vino delle Cantine Val Pontida e l'acqua erogata dalla casetta mobile offerta da Hidrogest spa. Di più: tutto l’evento sarà plastic free, verranno usati solo prodotti biocompostabili perché è importante dare anche un messaggio ecologico e l’Associazione Agricoltori VSM lo ha espressamente voluto".

TOUR DEL GUSTO, IMPRONTE DI STORIA – 1A EDIZIONE
Il programma di domenica 10 novembre per il pubblico:

Ore 11:00 / 13:00 / 15:00
APERTURA STRAORDINARIA DEL CASTELLO FRACASSETTI con visite guidate gratuite in gruppi di massimo 20 persone

Dalle 11:00
ESPOSIZIONE E VENDITA di prodotti tipici, a cura dei produttori agricoli aderenti all’Associazione Agricoltori Valle San Martino
IL CASTELLO DI-VINO, degustazione con produttori e Viticoltori Val Pontida all’interno dell’antica Cantina del Castello Fracassetti. Presenzierà l’evento la delegata AIS Bergamo Sommelier Roberta Agnelli

Dalle 12:00 alle 14:00
PRANZO: gnocchi del contadino, foiade e funghi, piatti di salumi e formaggi, polenta, panini con salumi e formaggi.
DEGUSTAZIONE LUMACHE TRIFOLATE CON POLENTA (solo su prenotazione entro il 7 novembre al 338.8038418)
PRESENTAZIONE “IL DOLCE DEL BORGO”: nuova ricetta a base di prodotti locali e altri dolci tipici, compresa la torta paesana “Miascia” a cura del Dolce Forno di Maggianico, Consulta Comunale Turismo e Amministrazione Comunale.

Dalle 14:00 alle 15:30
CASTAGNATA a cura del Gruppo Alpini
BIRRA ARTIGIANALE LOCALE di Birra Logos
CASETTA DELL’ACQUA a cura di Hidrogest Spa

Ore 15:00
VISITA GUIDATA GRATUITA AL PLESSO STORICO DI S. MICHELE E ORATORIO S. STEFANO a cura della Comunità Montana Lario Orientale Valle San Martino

L’apertura straordinaria del Castello Fracassetti è a cura di Roncelli Group. L’evento “Tour del Gusto, Impronte di Storia” è organizzato con la partecipazione di Associazione Agricoltori Valle San Martino, Hidrogest Spa, Birra Logos, Viticoltori Val Pontida, Associazione Italiana Sommelier Lombardia Bergamo.

Il progetto “Via Giovannea”
In Lombardia, racchiuso tra le province di Milano, Bergamo e Lecco, esiste ed è sempre esistito un territorio sconosciuto a molti, conteso e particolare. Un territorio da scoprire, da esplorare, da vivere. Un’area geografica che incontra i gusti e i desideri di turisti, di sportivi e di pellegrini.
Un territorio tutto da scoprire, in cui i luoghi di interesse partono ma non si esauriscono nella nota via Giovannea, la strada percorsa dall’amato Papa Giovanni XXIII nella sua gioventù e che ha sempre avuto un posto di rilievo nel suo cuore. Quella che orbita intorno a questa via è un’area dalle sorprendenti potenzialità dal punto di vista del turismo, dello sport, della spiritualità e dell’arte: consci del tesoro racchiuso in queste terre, 15 Comuni sotto l’egida della Regione Lombardia e del progetto “Viaggio #inLombardia” hanno dato vita a un’operazione di rilancio e valorizzazione del territorio mai tentato fino ad ora, portando all’attenzione del grande pubblico sia la via Giovannea con il suo carico di significati, sia ciò che la circonda.
In linea generale, il patrimonio dell’area interessata dal progetto può essere raggruppato in tre grandi tipologie, in grado di attrarre interessi turistici di ampio respiro, oltre che fruibile e attrattivo per target molto diversificati per età e interessi. Al suo centro, naturalmente, la via Giovannea, con i suoi circa 15 km percorribili a piedi, in bicicletta o a cavallo, che si dipanano in luoghi carichi di storia, di natura e di spiritualità.

Primo ambito: Arte e Cultura
Le torri medievali, le ville e i palazzi nobiliari, i magli e i mulini da grano, l’archeologia industriale e, naturalmente, le chiese e i conventi, le abbazie e i santuari di differenti epoche.

Secondo ambito: Gusto
La tradizione enogastronomica, i vigneti, gli agriturismi e le aziende agricole, i prodotti tipici quali formaggi, polenta, vini e miele.

Terzo ambito: Sport e Tempo Libero
Il parco dell’Adda Nord, la Ciclovia del fiume Adda, i sentieri naturalistici pedonali e ciclabili del Monte Canto, i giardini ed orti botanici anche ad uso didattico, l’Eco Museo Valle San Martino.

Il progetto Via Giovannea – Sulle orme del Papa buono è finanziato tramite il Bando “Viaggio #inLombardia” di Regione Lombardia e dai Comuni di Cisano Bergamasco, Sotto il Monte e Torre de’ Busi; con il patrocinio gratuito dei Comuni di Ambivere, Mapello, Ponte San Pietro, Brembate Sopra, Calolziocorte, Caprino Bergamasco, Carvico, Monte Marenzo, Costa Valle Imagna, Palazzago, Ternodisola, Villa d’Adda.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco