Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 77.805.101
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 07 novembre 2019 alle 22:42

Calolzio: riscritto il regolamento per l'accoglienza dei migranti. La stazione resta l'unica 'zona rossa'

L'area della stazione, unica zona dove sarà negata la possibilità
di aprire strutture di accoglienza per migranti
Le zone rosse sono state cancellate. E pure quelle blu. Sei mesi di lavoro del tavolo tecnico appositamente istituito hanno portato ad una nuova versione del contestato Regolamento comunale sulle strutture di accoglienza per migranti approvato dal Comune di Calolziocorte - con i soli voti della maggioranza - lo scorso 9 aprile e poi messo in stand-by alla fine dello stesso mese, dopo la pioggia di critiche seguite alla diffusione del regolamento che, di fatto, vietava l'apertura di CAS e realtà simili in prossimità di luoghi considerati "sensibili" come la stazione e le scuole, vincolando altresì all'autorizzazione dell'amministrazione l'avvio di questi centri nelle vicinanza della biblioteca e degli oratori. Il Regolamento - mai entrato in vigore - non è più un regolamento, tanto per cominciare. Il gruppo di lavoro creato per mettervi mano, costituito dai rappresentanti dei gruppi consigliari affiancati dai delegati delle associazioni che, in paese, si occupano di accoglienza nonché della parrocchia, lo ha infatti trasformato in un Piano, già sottoposto al vaglio tecnico del Prefetto Michele Formiglio, come riferito questa sera in Commissione Territorio dal Sindaco Marco Ghezzi, salito a Lecco da "Sua Eccellenza" per una validazione formale del nuovo testo che individua ora una sola area "off-limits" per l'inserimento di eventuali nuove strutture per migranti: la stazione ferroviaria, già al centro dei pensieri dell'organo di sicurezza provinciale tanto da essere stata inserita nel nugolo degli scali per i quali, per limitare il degrado e prevenire problematiche, RFI dovrà attrezzarsi per provvedere alla chiusura notturno. Per il resto, il nuovo documento che sarà riportato in consiglio il prossimo venerdì per l'approvazione definitiva, rimarca la volontà dell'amministrazione di essere consultata prima dell'apertura di strutture di accoglienza, esplicitando una serie di oneri, già previsti dalla normativa in materia, richiamata nel Piano, a carico di chi gestisce il servizio nell'interesse degli stessi migranti, recependo tutte le indacazioni arrivati dai partecipanti al tavolo tecnico. E proprio perchè dopo 6 mesi di lavoro si è arrivati ad una stesura definitiva, già visionata dal Prefetto, questa sera il primo cittadino non ha accolto le richieste di ulteriore modifica avanzate in Commissione dal consigliere Daniele Vanoli, giunte fuori tempo massimo e, come evidenziato, non anticipate dal capogruppo di Cambia Calolzio Diego Colosimo, pur essendo lo stesso stato coinvolto nel percorso di revisione del Regolamento. Pur avendo cercato il giovane esponente della minoranza di mitigare la cosa, la mancanza quantomeno di "sinergia" con l'altro componente della compagine civica orientata a sinistra è risultata abbastanza evidente, a discapito della possibilità di veder accolte le proprie istanza, anche se comunque "rivoluzionarie" anche rispetto al testo sottoscritto da tutti gli altri coinvolti, volendo trasformare il Piano in un protocollo.
Il 15 il passaggio in Aula, questa volta di una versione condivisa (anche se, come emerso, non proprio con tutti ma questa volta per ragioni interne a un gruppo).
Articoli correlati:
04.06.2019 - Calolzio: le zone rosse sbarcano alla Camera. Per il sottosegretario 'scelta per governare il territorio'
30.04.2019 - Calolzio, zone rosse: la maggioranza mette in stand-by il Regolamento. Sarà modificato da un 'tavolo tecnico'
27.04.2019 - Calolzio: trecento persone di nuovo in piazza contro le zone rosse, lunedì il consiglio comunale
25.04.2019 - Calolzio: striscione contro le zone rosse al 25 Aprile con uno scambio di critiche sulle parole dell'Anpi. Ghezzi: è una festa
20.04.2019 - Calolzio, altre iniziative contro le 'zone rosse': un presidio e poi la presenza al consiglio
15.04.2019 - Calolzio: 'Cittadini uniti' formalizza in comune la richiesta di revoca delle 'zone rosse'
13.04.2019 - Calolzio: 'tutta la verità' del sindaco Marco Ghezzi
13.04.2019 - I sacerdoti scrivono al sindaco Ghezzi: 'annulli il regolamento e si riparta dal confronto'
13.04.2019 - Calolzio, Arrigoni: piena solidarietà al Sindaco Ghezzi per il regolamento sui centri d’accoglienza
13.04.2019 - Calolzio: presidio contro le 'zone rosse' per i migranti. In piazza anche un'intera classe del Rota. 'Non ci sentiamo minacciati'
13.04.2019 - Calolzio: in corso il presidio contro le ''zone rosse'' per l'accoglienza migranti
12.04.2019 - Zone rosse: De Capitani controcorrente, solidarietà a Ghezzi
12.04.2019 - Calolzio, contro le zone rosse organizzato un presidio silenzioso. Pioggia di critiche
09.04.2019 - Calolzio: nelle zone rosse niente centri per migranti, 'passa' il contestato regolamento
04.10.2018 - Calolzio studia un regolamento per vietare nelle 'zone rosse' le strutture per i migranti
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco