Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 77.700.758
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 08 novembre 2019 alle 11:19

Lecco: due serate 'spettacolari' con la Scuola di Sci Alpinismo del CAI

La Scuola Nazionale di Sci Alpinismo del Cai di Lecco Sez. Riccardo Cassin presenta due serate ad alto contenuto spettacolare. Lecco è da sempre un punto di riferimento nel mondo dell’alpinismo e della montagna, e immancabilmente a novembre - proprio all’inizio della stagione invernale, quando l'aria si fa frizzante e il Resegone inizia ad imbiancarsi - la Scuola propone ad appassionati e non una serie di incontri dedicati allo sci alpinismo e all’outdoor.
La prima delle due serate in programma quest'anno andrà in scena il 14 novembre alle ore 21.00 in Sala Don Ticozzi: ospite speciale l’alpinista e sciatore Cala Cimenti che quest’estate ha conquistato la nona vetta più alta del mondo, il Nanga Parbat. Una volta giunto in cima, il torinese ha iniziato la lunga discesa. Dopo aver conseguito questo exploit Cala è stato anche protagonista di un incredibile soccorso sul Gasherbrum VII, in Pakistan: il compagno di cordata Francesco Cassardo è stato infatti vittima di un incidente e solo grazie all’intervento dello stesso Cimenti il tutto si è risolto al meglio. Sarà quindi una serata di racconti, ripercorrendo momenti incredibili e altri più drammatici.
Il 28 novembre, poi, nella stessa sede e sempre a partire dalle ore 21.00, occhi puntati su un gruppo di istruttori della stessa Scuola di Sci Alpinismo, che una volta tolti i panni di “insegnanti” si sono cimentati in una vera e propria avventura: la traversata integrale e continuativa delle Orobie dalle prime pendici dell’Alto Lario fino al Passo dell’Aprica. Un sogno che la Scuola ha accarezzato per anni senza mai poterlo chiudere; un’impresa finalmente concretizzata quest’anno in occasione del 50° della fondazione. Nessun cronometro, nessuna sfida con la montagna ma solo un grande desiderio di avventura; un viaggio lungo 170 km che ha visto protagonisti Stefano Bolis, Massimiliano Gerosa, Paolo Riboldi, Silvia Favaro e Jacopo Gregori.
Entrambe le serate sono a ingresso libero.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco