Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 98.614.011
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/09/20

Merate: 13 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 7 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Sabato 09 novembre 2019 alle 11:06

Operazione Striscia 2018: arrestato a Varedo anche 'Alex'

L'area di Bosisio interessata dallo spaccio
Non c'è il due senza il tre. E per il quattro gli uomini del Commissario Capo Danilo Di Laura stanno lavorando: dopo aver già dato esecuzione alle prime due misure cautelari disposte dal GIP del Tribunale di Lecco nell'ambito dell'operazione antidroga "Striscia 2018", personale della Squadra Mobile di Lecco ha rintracciato e tratto in arresto anche un terzo indagato. Si tratta di B.A., marocchino classe 1974, conosciuto sul territorio come Alex, ritenuto al centro di uno dei giri di spaccio eradicati nell'area boschiva di Bosisio Parini a ridosso del campo da cross e dell'attiguo maneggio. L'uomo è stato rintracciato nella mattinata di ieri a Varedo, in Provincia di Monza Brianza: si è fatto cogliere di sorpresa dagli agenti mentre scendeva dal treno. Compreso di essere stato riconosciuto, non ha opposto resistenza. Disdrigate le formalità di rito, è stato tradotto in carcere, come già Noereddine Guerri, conosciuto come Nino, classe 1956, fermato il 21 ottobre in stazione a Lecco e Salah El Karidi, classe 1986, anch'egli di nazionalità algerina, irregolare in Italia, acciuffato il 29 proprio a Bosisio Parini, dopo un maldestro tentativo di fuga. Complessivamente all'esito dell'operazione "Striscia 2018", sono una ventina i soggetti indagati, con 8.500 cessioni di droga documentante anche nell'area a ridosso della ferrovia, a Civate, zona da cui l'operazione è partita, anche a seguito di un servizio televisivo di Striscia La Notizia, volto a documentare la presenza di un vero e proprio bazar della droga, facilmente raggiungibile da clienti intenzionati a procacciarsi una dose di hashish, cocaina o eroina. 1.500 complessivamente gli acquirenti identificati.
Articoli correlati:
31.10.2019 - Operazione Striscia 2018: in manette due pusher, nei boschi tra Civate e Bosisio documentate 8.500 cessioni in otto mesi
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco