Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 118.556.990
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 08/04/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 13 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15  µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Giovedì 14 novembre 2019 alle 18:26

UIL del Lario: crescita occupazionale 'precaria', ancora part time e a tempo determinato

Una crescita occupazionale essenzialmente part time e a tempo determinato quella che si registra nei territori di Como e Lecco secondo lo Studio effettuato dalla UIL del Lario su avviamenti e cessazioni al lavoro nei primi nove mesi del 2019: "una precarietà che - sottolinea il Segretario Generale Salvatore Monteduro - "condiziona pesantemente la vita delle singole persone, limitando la possibilità di avere accesso al credito e di costruirsi una pensione dignitosa".

I dati tratti dal sistema informativo Quadrante Lavoro di Regione Lombardia mostrano una situazione in chiaro scuro per le due province. Il saldo tra avviamenti e cessazioni al lavoro è positivo:
- Como: avviamenti 52.904; cessazioni 47.150; saldo +5754, 10,9%
- Lecco: avviamenti 27.611; cessazioni 25.734; saldo +1877, +6,8%;
mentre se si guarda allo stesso periodo del 2018 i dati parlano di:
- Como: avviamenti 53.444; cessazioni 48.774; saldo +4670, +8,7%;
- Lecco: avviamenti 28.825; cessazioni 26.785; saldo +1877, +7,1%.

Il contributo maggiore al saldo positivo arriva dall’aumento degli avviamenti dei contratti part time nei primi 9 mesi del 2019:
- Como: 16.513; nel 2018 erano stati 16.409; +104;
- Lecco: 7.950; nel 2018 erano stati 7.898; +52.
Gli avviamenti a tempo pieno nei primi nove mesi del 2019 sono invece diminuiti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno:
- Como: 36.391; nel 2018 erano stati 37.035; -644;
- Lecco: 19.661; nel 2018 erano stati 20.927; -1266.

Differente la situazione nei vari settori produttivi nei saldi tra avviamento e cessazione nei primi 9 mesi del 2019; evidente il contributo agli avviamenti da parte dell'ambito Commercio e Servizi (40.610 a Como, 17.464 a Lecco):
- Agricoltura: Como +31,3%; Lecco +34,5%;
- Commercio e Servizi: Como +11,7%; Lecco +6,1%;
- Costruzioni: Como +6,3%; Lecco +12,1%;
- Industria: Como +5,9%; Lecco +5,2%.

Un elemento che desta preoccupazione è il saldo negativo tra avviamenti e cessazioni nei rapporti di lavoro a tempo indeterminato:
- Contratti a tempo indeterminato: Como -863 unità, -6,5%; Lecco -348 unità, -5,1%;
- Contratti a tempo determinato: Como +5.516 unità, +20,3%; Lecco +1.724, +13,5%;
- Contratti somministrati: Como -104 unità, -2,6%; Lecco +103 unità, +2,2%;
- Contratti a progetto: Como +228 unità, +21,1%; Lecco +20 unità, +3,3%;
- Contratti di apprendistato: Como +977 unità, +60,5%; Lecco +378 unità, +51,4%.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco