Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.878.376
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 07/03/2021
Merate: 30 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 24 µg/mc
Scritto Lunedì 09 dicembre 2019 alle 17:28

Il coro Alpino Lecchese in un concerto per Natale a Suello

Era gremita la chiesa parrocchiale dei santi Quirico, Giulitta e Biagio, in Suello  per la rassegna corale natalizia “Splendida stella”, che aveva il patrocinio dell’Unione Società Corali Italiane, sezione di Lecco, e di CantaHistoria 3.

l’interno della chiesa durante il concerto

Il concerto ha visto la partecipazione del Coro Giovanile San Pietro al Monte di Civate e del Coro Alpino Lecchese. I due complessi hanno eseguito brani tradizionali e popolari del Santo Natale, con riferimento alla “Splendida stella”, quella che accompagnò pastori e agricoltori verso la località della Natività e guidò la lunga cavalcata dei re Magi verso la capanna di Betlemme.

Coro giovanile San Pietro al Monte di Civate

Al termine del concerto ha avuto espressioni di complimento e di ringraziamento per i due complessi il parroco di Suello don Francesco Grasselli. I componenti dei due complessi sono poi stati invitati a partecipare ad un rinfresco offerto dal Comune di Suello, con il sindaco Giacomo Angelo Valsecchi nel vicino convegno dell’oratorio.

Coro alpino lecchese

L’attuale chiesa parrocchiale di Suello ha superato i 75 anni; venne, infatti, consacrata dal cardinale arcivescovo di Milano, Ildefonso Schuster, all’alba del 17 luglio 1943, dopo essere stata costruita a partire dal 1940. Schuster lasciò subito Suello, appena terminata la cerimonia di consacrazione, perché nell’oscurità della notte si vedevano all’orizzonte i lampi ed i fuochi di Milano pesantemente bombardata da un’incursione aerea alleata. Schuster volle tornare subito a Milano per essere vicino ai cittadini colpiti dai pesanti bombardamenti aerei.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco