Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 95.328.145
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/08/20

Merate: 15 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Lunedì 13 gennaio 2020 alle 08:55

Olginate: la benedizione degli animali chiude 'Rivivi S. Maria'

Si è conclusa esattamente come è iniziata – nel segno della tradizione, con un richiamo al passato semplice e autentico degli abitanti della frazione, a stretto contatto con la natura – l’undicesima edizione di “Rivivi Santa Maria”, la manifestazione che nella giornata di domenica 12 gennaio è tornata ad animare l’omonima località olginatese, famosa per l’antico complesso religioso, con tanti eventi per grandi e piccini, tra passato e presente.



Don Matteo Gignoli e Andrea Radaelli

Prima della S. Messa vespertina, si è infatti rinnovato il rito della benedizione degli animali, fedeli e affettuosi compagni di vita per tante famiglie protetti da Sant’Antonio Abate, la cui ricorrenza sarà celebrata nel calendario liturgico il prossimo venerdì 17 gennaio.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Decine di cani di ogni taglia e razza – oltre che qualche gatto “al calduccio” nel proprio trasportino – hanno quindi affollato con i loro padroni “a due zampe” la zona nei pressi della chiesetta per un momento di preghiera con il parroco don Matteo Gignoli, accolto dal presidente del gruppo “Rivivi Santa Maria” Andrea Radaelli che ha colto l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita dei tanti eventi inclusi nella giornata di festa.




“Le mie visite pre natalizie nelle case sono state spesso accompagnate dai “saluti” rumorosi e vivaci di tanti amici a quattro zampe, che per molte persone sono membri della famiglia a tutti gli effetti” ha commentato il sacerdote, impartendo poi la sua benedizione alla folla di animali presenti e ai loro padroni. I simpatici protagonisti del pomeriggio, da parte loro, non hanno mancato di farsi “sentire”, facendo la loro parte per concludere nel migliore dei modi una giornata di festa trascorsa nel segno dell’aggregazione e dell’allegria.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco