Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 100.932.104
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/10/20

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 24 µg/mc
Lecco: v. Sora: 19 µg/mc
Valmadrera: 18 µg/mc
Scritto Giovedì 16 gennaio 2020 alle 16:56

Calolzio: nel 2019 più morti che nati (134 a 87), salgono ancora i matrimoni civili

Al 1° gennaio 2020 risultano 13.864 gli abitanti del Comune di Calolzio (7.115 femmine e 6.749 maschi), dove lo scorso anno – non diversamente da quanto sta accadendo altrove – il numero di morti ha largamente superato quello dei nuovi nati: 134 a 87, con i “fiocchi” rosa (47) e azzurri (40) in ulteriore ribasso di 18 unità rispetto al 2018.
58 i matrimoni civili celebrati in paese nell’arco dei dodici mesi – un numero, questo, in continuo rialzo, grazie soprattutto alla forza attrattiva esercitata dal Castello di Rossino, location sempre più “gettonata” e apprezzata da coppie di sposi provenienti anche dall’estero – mentre si fermano a 11 quelli religiosi, più che dimezzati rispetto al 2018 (23), quando si erano confermati su una quota ormai stabile da diversi anni.


Uno scorcio della città di Calolzio vista dal campanile della Chiesa Parrocchiale

Conferite, inoltre, 28 nuove cittadinanze (erano state 16 nel 2018, ma ben 90 nel 2017), in un 2019 che invece non ha fatto registrare nessuna unione civile dopo le due risalenti al 2016 e al 2018.
Le statistiche demografiche diffuse dal Comune mettono in luce, infine, un’ultima curiosità. Dopo la recente scomparsa – avvenuta soltanto lo scorso lunedì – della “decana” Anna Maria Valsecchi, classe 1915, in questo 2020 appena cominciato la comunità di Calolzio si unirà ai festeggiamenti per sei “nonne”: a breve, infatti, quattro signore calolziesi raggiungeranno l’inviabile traguardo del secolo di vita, mentre altre due loro concittadine toccheranno rispettivamente la quota delle 101 e delle 104 “primavere”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco