Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.197.650
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 28/02/2021
Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 16 µg/mc
Lecco: v. Sora: 14 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Domenica 26 gennaio 2020 alle 13:44

Grigna: altre 3 persone soccorse sul Pizzo della Pieve, 2 illese

Altro intervento dell'elicottero, dopo quello della serata di ieri, in Grigna Settentrionale, questa volta sul Pizzo della Pieve (Primaluna). Tre le persone soccorse nella tarda mattinata odierna, una delle quali per una serie di ferite riportate a seguito di una caduta di una quarantina di metri lungo la parete Fasana, Via Degli Inglesi: raggiunto dal personale sanitario verricellato sul posto, l'alpinista è stato trasportato in ospedale a Gravedona per tutte le cure del caso. Illesi, invece, i due escursionisti che lo accompagnavano, rimasti bloccati in parete a seguito del suo incidente.



La complessità delle operazioni di soccorso, in una zona molto impervia, ha reso necessaria la disponibilità di diversi tecnici del Soccorso Alpino: sette soccorritori della Stazione di Valsassina Valvarrone della XIX Lariana CNSAS si sono preparati nella piazzola della Comunità Montana a Barzio, pronti anche altri quattro del Centro Operativo del Bione.
Concluso il recupero del ferito, è sopraggiunto anche un elicottero da Milano, che ha imbarcato un altro tecnico della Stazione (in aiuto a quello di elisoccorso) per aiutare gli altri due alpinisti. Le operazioni sono terminate verso le ore 14.30.

Numerosi gli interventi in questi giorni in Valsassina, in particolare sulla difficile parete Fasana sul Pizzo della Pieve. Il Soccorso Alpino raccomanda a tutti la massima prudenza: è importante affrontare solo itinerari che si è in grado di fare, in modo da non aggiungere rischi a quelli oggettivi già presenti in certe zone. In questo caso, la prudenza dei tre alpinisti recuperati, che hanno affrontato la salita con una tecnica classica di alpinismo - erano legati insieme - ha aumentato le probabilità di salvare la vita all'uomo e salvaguardare la loro.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco