Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 83.022.203
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 10 febbraio 2020 alle 17:34

Valmadrera: taglierino e mazza in auto, un 46enne a processo

Non ha fornito una giustificazione valida per il possesso di un taglierino con una lama di 10 centimetri e di una mazza da baseball, entrambe rinvenuti nella sua autovettura. È accusato di porto abusivo di armi od oggetti atti a offendere (ai sensi della legge 110/1975) il 46enne M.B., proprietario nonché conducente, al momento della perquisizione, dell’autovettura sulla quale sono state trovate le armi bianche. A descrivere la dinamica dei fatti è intervenuto -incalzato dalle domande del Vpo Mattia Mascaro e dell’avvocato Stefano Mandelli - il sovrintendente Roberto Larese Cella, in forza al reparto prevenzione crimini di Milano che il 3 ottobre del 2017 si trovava a Lecco per un servizio straordinario di controllo. L’autovettura dell’imputato sarebbe stata fermata -come descritto dal poliziotto- a causa dell’alta velocità con cui il mezzo stava percorrendo viale Promessi Sposi a Valmadrera e nel corso degli accertamenti -che hanno tra l’altro rilevato che il conducente, nonostante fosse l’intestatario del veicolo, fosse senza patente di guida non avendo mai sostenuto l’esame- per via dell’atteggiamento del soggetto, gli agenti hanno proceduto alla perquisizione.
Il giudice Barazzetta ha disposto un rinvio al 10 marzo per l’esame dell’imputato.
B.F.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco