Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 82.815.120
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 11 febbraio 2020 alle 17:08

Calolzio: aggredì coppia di fidanzati senza motivo. Condannato a un anno e sei mesi

Il Tribunale di Lecco
Un anno e sei mesi di reclusione. E' la pena sentenziata stamani dal giudice monocratico del tribunale di Lecco Nora Lisa Passoni nei confronti di Alessio F., classe 1979, a processo per lesioni, percosse e minacce
La vicenda risale al gennaio 2016 quando l'imputato si trovava a passeggio di sera per le vie di Calolziocorte; all'improvviso - forse inebriato dai fumi dell'alcol - aveva aggredito una coppia di giovani fidanzati che si trovavano abbracciati nei pressi di una fontana, colpendoli ripetutamente, avvalendosi persino del guinzaglio del proprio cane. Fortunatamente i due, accompagnati al pronto soccorso dell'ospedale Manzoni, avevano riportato traumi non gravi, ma lo spavento era stato davvero forte, tanto che nelle ore successive le vittime avevano presentato denuncia-querela alla stazione dei carabinieri calolziese.
Qualche giorno più tardi, poi, uno dei due aveva fatto ritorno in caserma, consegnando ai militari la fotografia del presunto aggressore scaricata dalle pagine del social network Facebook. Questa prova aveva consentito l'identificazione dell'imputato, che fino a qualche mese prima rispetto all'episodio di violenza ai danni della coppia, lavorava presso un'azienda di Olginate. Gli accertamenti condotti dai carabinieri hanno consentito di identificare l'uomo che nel frattempo risultava residente in un comune della provincia di Novara.
Stamani, a conclusione dell'istruttoria, il vpo Pietro Bassi - in rappresentanza della Procura - ha chiesto la condanna del quarantenne alla pena di un anno di reclusione, mentre il suo difensore d'ufficio si è battuto per l'assoluzione, ritenendo dubbi gli elementi che hanno portato all'identificazione del proprio assistito. Ritiratasi in camera di consiglio, il giudice Passoni ha condannato l'imputato - non presente all'udienza - alla pena di un anno e sei mesi.
G.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco