Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 104.505.472
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/20

Merate: 88 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 56 µg/mc
Lecco: v. Sora: 44 µg/mc
Valmadrera: 69 µg/mc
Scritto Mercoledì 12 febbraio 2020 alle 09:00

Calolzio, Bandinelli: condanna al deprecabile omaggio a Udovisi nel Giorno del Ricordo

Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata da Giancarlo Bandinelli all'Ufficio scolastico provinciale e alla Dirigente dell'Istituto Comprensivo di Calolzio in merito all'omaggio a Graziano Udovisi durante la celebrazione del Giorno del Ricordo.


UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE
LECCO - Via Lega Lombarda 4

Dirigente Istituto Comprensivo
Scuole medie di Calolziocorte
Via Nullo

OGGETTO: condanna al deprecabile omaggio a figura di fascista

Abbiamo constatato che durante la celebrazione della Giornata del ricordo (10 febbraio) da parte degli alunni della scuola media di Calolziocorte è stato reso omaggio ad una figura ignobile del nostro Paese.
Strumentalizzare i dolorosissimi episodi delle foibe, senza mai fare anche riferimento, come spesso avviene, alle precedenti e diffuse stragi nazifasciste nelle terre slave non è, secondo noi, rispetto della storia.
Cosa ancor più grave e inaccettabile però è che in tale giornata è stato permesso di omaggiare Graziano Udovisi, appartenente al gruppo della milizia “mazza di ferro” nonché condannato per aver arrestato tre partigiani, selvaggiamente torturati poi dai suoi sottoposti.
Indignarci per questo insano gesto è dir poco.
I nostri partigiani hanno messo fine al fascismo il 25 aprile del 1945, noi continuiamo oggi ad avversare fascismi e razzismi e la cultura dell’intolleranza e dell’odio.
Vorremmo che la scuola però facesse anche la sua parte, come prescritto dalla Costituzione nata dalla Resistenza.
Un’insegnate democratica, Rosa Maria Dell’Aria, mesi fa è stata sospesa per due settimane per aver dato un compito agli alunni che avevano paragonato per alcuni aspetti i decreti sicurezza alle leggi razziali. Per quanto tempo va sospeso o vanno sospesi quei docenti che improvvidamente (per non usare altri aggettivi e francesismi) hanno chiesto e permesso agli alunni di omaggiare un obbrobrioso soggetto?
Si attende gentile risposta.

Calolziocorte, 11 febbraio 2020
per la Casa delle Sinistre
G.Carlo Bandinelli
.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco