Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.793.587
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/03/2021
Merate: 53 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 32 µg/mc
Valmadrera: 39 µg/mc
Scritto Lunedì 24 febbraio 2020 alle 13:46

Coronavirus, le Case di Riposo del territorio tutelano i loro ospiti: 'porte chiuse' a Brivio, limitazioni in altre Rsa

In diversi casi si stanno ancora attendendo direttive ufficiali, ma sono già molte le misure contro il diffondersi del Coronavirus adottate precauzionalmente nelle Case di Riposo del territorio. Misure più o meno rigide, a seconda delle scelte delle rispettive direzioni sanitarie, ma tutte accomunate dall'intenzione di tutelare al massimo gli ospiti, persone anziane già di per sé fragili e bisognose di particolari attenzioni. Se la RSA "Carlo e Elisa Frigerio" di Brivio è stata dunque chiusa completamente al pubblico, alla "Borsieri" di Lecco, in via San Nicolò, è possibile accedere solo attraverso l'ingresso principale, dove sono stati messi a disposizione gel disinfettanti per le mani: ai parenti degli ospiti, comunque, è stato chiesto di limitare al massimo le visite - e ovviamente di evitarle qualora presentassero sintomi influenzali - mentre sono state sospese tutte le attività di animazione e aggregazione, con i volontari dunque lasciati "liberi" almeno per tutta la settimana e gli operatori dei servizi di pulizia invitati, invece, ad intensificare i "passaggi" nei vari reparti.
Accesso "sconsigliato" anche a Villa dei Cedri di Merate, mentre alla RSA "Enrico e Antonio Nobili" di Viganò possono entrare soltanto i famigliari degli anziani (e comunque per brevi lassi di tempo, senza portare con sé i bambini), nelle fasce orarie dalle 9.30 alle 10.30 e dalle 15.30 alle 17.30.
Porte (parzialmente) chiuse anche alla "Sironi" di Oggiono, dove i parenti possono presentarsi soltanto se autorizzati in casi di urgenza, così come all'Opera Pia di Valmadrera, dove è stata annullata anche la festa di Carnevale prevista nei prossimi giorni; analoghe le misure prese alla RSA in via Sirtori a Monticello, in cui è consentito l'ingresso soltanto ai famigliari di ospiti in fase terminale e di eventuali defunti: praticamente cancellati, anche in quest'ultimo caso, il programma di iniziative sociali e gli interventi di figure esterne alla struttura, compreso quello dei parrucchieri che solitamente si mettono a disposizione degli ospiti un paio di volte alla settimana.
Diffusi soltanto alcuni suggerimenti, invece, ai congiunti dei "nonni" ricoverati all'Istituto Frisia di Merate, ai quali è stato consigliato di visitare i propri parenti singolarmente e di evitare di portarli con sé al bar della struttura.
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco