Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 86.698.440
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Lunedì 23 marzo 2020 alle 17:41

Abbadia: il racconto del Maestro Marcello Mottadelli, nella Zagabria colpita dal terremoto

“Crollano pezzi di casa, sulle auto in sosta. Con le strade oggi prontamente ripulite. Qui nella mia abitazione ho visto aprirsi crepe nel muro e cadere calcinacci sul letto. Non sappiamo più cosa fare”. E il pensiero, intanto, corre all'Italia, nella morsa di altri problemi di grosse proporzioni, ad Abbadia Lariana, dove detiene da tempo il domicilio.


Il Maestro Marcello Mottadelli. Sotto, con la moglie Beatrice



Al telefono è Marcello Mottadelli, direttore d'orchestra con l'Opera nel Dna: oltre che nel Belpaese, nella sua carriera il Maestro si è visto aprire le porte dei teatri di Ungheria, Romania, Germania, Danimarca, Svezia, Bielorussia, Polonia e Messico. Ora si trova a Zagabria, che sta facendo la conta dei danni del forte terremoto che l'ha duramente colpita all'alba di ieri, domenica 23 marzo.



In terra croata Mottadelli ha sostenuto gli autori italiani, portando in scena lo scorso 18 febbraio - a 45 anni dall'ultima rappresentazione - la "Lucia di Lammermoor" di Gaetano Donizetti, al Croatian National Theatre Zagreb, uno tra i più famosi in Europa. Oggi però l'ansia e la paura portano a sospendere gli spettacoli in cartellone, in una città già in lockdown per il Coronavirus e ora colpita anche dal sisma.



“Questa mattina intorno alle sei un'altra scossa, di grado 4.6, è durata parecchio. Secondi interminabili. Io e mia moglie Beatrice viviamo nel continuo spavento” prosegue Mottadelli. Dalle sue parole cogliamo quell'incertezza di una scelta che oscilla tra il rimanere in Croazia e il tornare alla vista del lago di Abbadia. Il cartellone del Teatro Croato, del resto, è in sospeso, annullati gli appuntamenti in programma a data da destinarsi.



Anche la villa del musicista, nel centro di Zagabria, ha dovuto essere momentaneamente abbandonata per le opportune verifiche a seguito delle scosse: attualmente Maurizio Mottadelli e la moglie risiedono in una piccola dependance.
Al.Bot.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco