Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 86.699.322
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Martedì 24 marzo 2020 alle 20:23

Olginate: la chiesina di San Rocco aperta per i feretri dei defunti

Sarà la chiesina di San Rocco, a pochi passi dal lago, l'ultima "casa terrena" dei defunti olginatesi in questo delicato periodo caratterizzato dall'emergenza Coronavirus. Lo storico edificio, risalente alla metà del Settecento, aprirà infatti le proprie porte per accogliere i feretri in attesa della cremazione e della successiva sepoltura, come concesso dal parroco don Matteo Gignoli per evitare di doverli "depositare" nei freddi magazzini dei forni.


La chiesina di San Rocco



"Già in passato abbiamo dato la possibilità ad alcune famiglie di appoggiarsi alla chiesina per comporre la camera ardente dei propri cari defunti, in caso di necessità, nel breve lasso di tempo tra la morte e la celebrazione delle esequie" ha commentato il sacerdote. "Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto una richiesta a tal proposito da un'impresa di pompe funebri e - anche in accordo con il sindaco di Olginate - abbiamo accettato volentieri di mettere a disposizione San Rocco per le eventuali bare in attesa della cremazione: la chiesina naturalmente resterà chiusa, ma crediamo che questa soluzione possa essere un piccolo conforto per le famiglie che, in questo periodo difficile, non possono nemmeno avere la consolazione di un funerale per il proprio caro defunto".
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco