Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 119.121.722
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/04/2021
Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 11 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 11 µg/mc
Scritto Giovedì 23 aprile 2020 alle 11:23

La sua famiglia portò il cinema a Mandello, è scomparso a 72 anni Roberto Gasperi

Correvano gli anni '60-'70 quando gli ingressi al cinema si pagavano in lire e i film arrivavano nelle sale con la pellicola montata su grandi bobine custodite in scatoloni. E di quel periodo, Mandello del Lario nell'Astoria di piazza Leonardo da Vinci, oggi comunale De Andrè, fu protagonista grazie alla famiglia Gasperi che, proveniente da Edolo e residente in città, portò la magia proiettata sul grande schermo.
Roberto, giovane ragazzo, aveva appreso dal padre gestore della sala mandellese la passione per quell'arte nata dai fratelli Lumiere: una passione, una attività che lo aveva portato, dopo l'esperienza lacustre, nel 1993 a costituire con la moglie la società Cinegest in Valtellina. Tre giorni fa una malattia incurabile ha fermato a 72 anni Roberto Gasperi, e con lui il mezzo secolo e più di attività in campo cinematografico.


Roberto Gasperi, in prima fila, con lo staff della sua Cinegest (foto tratta da Fb)

Della gestione Astoria a Mandello rimangono alcuni dei manifesti, stampati dalla vicina storica tipografia Panizza: ""Dio ha bisogno degli uomini" è un film che bisogna vedere dall'inizio per poterlo comprendere" recita uno degli annunci, che riporta anche: "Serata pro alluvionati in collaborazione con Moto Guzzi". Una attività, quella all'Astoria, organizzata a 360 gradi per dare alla cittadinanza il meglio della cinematografia dell'epoca, oltre a iniziative a tema sociale. Chi ha avuto modo di conoscere Roberto Gasperi ricorda ancora i pomeriggi in oratorio Sacro Cuore, interrotti nei giochi passatempo da un suo: "Adesso devo andare al cinema, mi aspetta papà", a dimostrare già da giovane il suo attaccamento a questo mondo che dava e regalava passioni ed emozioni.
Oggi, purtroppo, siamo a leggere la parola "fine" nella vita, nel lavoro di Roberto Gasperi, un "film-realtà" di un'esistenza spesa per donare ore di spensierate emozioni. Dai mandellesi un sincero abbraccio alla famiglia.
Al.Bot.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco