Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 109.344.382
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 14/01/2021
Merate: 59 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 41 µg/mc
Lecco: v. Sora: 33 µg/mc
Valmadrera: 38 µg/mc
Scritto Mercoledì 29 aprile 2020 alle 08:43

Civate: mascherine per tutti, 23 sarte ne hanno già confezionate 4.682. E ora pensano ai bimbi

Da mamme a "sarte" per l'emergenza Covid-19. Come già in occasione di Pasqua, infatti, un gruppo di donne della Parrocchia di Civate ha deciso, in accordo con il sindaco Angelo Isella e l'amministrazione comunale, di mettersi a disposizione per un piccolo-grande progetto: regalare a tutta la cittadinanza una mascherina in stoffa, con filtro.

Le prime 1.650 sono state recapitate a tutte le famiglie del paese per la domenica di Pasqua in una busta con gli auguri del parroco don Gianni De Micheli e del primo cittadino, un ramoscello d'ulivo benedetto le istruzione d'uso, oltre a un dispositivo chirurgico grazie al Fondo della Comunità. Ma il progetto non si è fermato e subito dopo Pasquetta le volenterose "sarte" si sono rimesse al lavoro. "Siamo arrivati alla cifra di 4.682 mascherine fatte con cura, passione e tanta dedizione da parte di ventitré persone che si sono messe a disposizione per tutta la comunità - ha spiegato don Gianni - Un grazie grandissimo a tutte loro e a tutte le persone che hanno dato il materiale per realizzare questa piccola impresa: a chi ha dato il cotone e la stoffa, a chi ha suggerito le mercerie dove trovare l'elastico, alle ditte Omet e Opac che hanno regalato il filtro, a chi ha regalato le bobine di filo per cucire, a chi ha fatto la spola tra le sarte per non far mancare il materiale per lavorare e alla Protezione Civile che con i giovani hanno confezionato e distribuito alle famiglie le buste".

E siccome le "sarte" civatesi si sono dimostrate proprio inarrestabili, presto verrà messo a disposizione anche il "modello per i bimbi dell'asilo e per i loro fratellini: un grazie è andato dalla comunità anche a chi ha procurato la stoffa coloratissima per loro. "Usiamole ora, nei modi corretti, perché possano proteggere la salute di tutti e soprattutto permettere a tutti di tornare ad incontrarci - ha concluso don Gianni - Nell'attesa di poterci riabbracciare finalmente senza più alcun "filtro" ma dal "vivo"".

M.C.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco