Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 89.983.909
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Venerdì 22 maggio 2020 alle 14:25

Chi guida ha una potenziale arma in mano, chi lo fa in stato d'alterazione è un criminale

Piergiorgio Assumma
In merito all'omicidio stradale che ha visto come vittima la 19enne Chiara Papini a Lecco, come presidente dell'Osservatorio nazionale vittime omicidi stradali mi sento innanzitutto di dire che le parole non bastano per contenere il dolore di una famiglia e i sogni spezzati di una ragazza. Al ragazzo alla guida della macchina saranno contestate l'aggravante della guida in stato di ebbrezza e la fuga: quest'ultima prevede un aumento di pena da un terzo a due terzi e comunque una pena non inferiore a tre anni. Al di là dei testi normativi, si può fare qualcosa di concreto? La risposta è sì; partendo da una sana educazione stradale nelle scuole e nelle scuole guida, per tentare di reprimere il fenomeno della guida in stato di ebbrezza o da alterazioni da sostanze stupefacenti. Chi guida una macchina ha una potenziale arma tra le mani, chi lo fa in stato di alterazione è un criminale.
Il fenomeno della fuga  è un fenomeno che sta dilagando oltre misura. I meccanismi della paura possono prevaricare, ma il senso di umanità dovrebbe vincere, fermarsi e prestare soccorso è un obbligo. Chi lo fa, però, non comprende che, nel giro di poche ore, nel novanta per cento dei casi, si viene rintracciati. Purtroppo, la fattispecie di omicidio stradale è uno di quei pochi reati in cui si può essere vittima o carnefice allo stesso tempo, basta un attimo di disattenzione. La guida in stato di ebbrezza, però, lo ripeto non è disattenzione, ma un atto criminale. Inoltre, è opportuno riformare il nostro codice di procedura penale per far sì che il prelievo coattivo del sangue diventi effettivo. Al momento non si può procedere, in tal senso. Il nostro codice prevede che i prelievi coattivi possano essere effettuati solo su peli, capelli o mucosa del cavo orale. Per il sangue ciò non è previsto, nonostante, non ci sia nessuna preclusione di sbarramento neanche da parte della nostra Costituzione.
Il presidente dell'Osservatorio nazionale vittime omicidi stradali, Avv. Piergiorgio Assuma
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco