Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 104.694.250
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 29/11/20
Merate: 55 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 38 µg/mc
Lecco: v. Sora: 35 µg/mc
Valmadrera: 43 µg/mc
Scritto Sabato 06 giugno 2020 alle 10:48

Lombardia: riaprono i centri termali e gli impianti di risalita

La nuova ordinanza della Regione Lombardia, firmata dal presidente Attilio Fontana, prevede la riapertura, da oggi, sabato 6 giugno, dei centri termali e di benessere e degli impianti di risalita. Queste strutture torneranno dunque in funzione con regole che fanno riferimento ai contenuti dell'ordinanza e dei suoi allegati, nel rispetto di specifiche misure di sicurezza.
"Anche grazie a queste aperture - afferma Massimo Sertori, assessore regionale agli Enti locali, Montagna e Piccoli comuni - consentiremo alle localita' di montagna e al settore turistico ad esse collegato, tra quelli economicamente piu' colpiti a causa del Covid-19, di riprendere a pieno l'attivita'. Finalmente anche questi comparti, molto importanti, che hanno vissuto momenti molto difficili, avranno la possibilita', un po' alla volta, di tornare a fare registrare numeri rilevanti".
"Il turismo lombardo riparte. E lo fa - continua Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Moda - in sicurezza. Stiamo parlando di un settore vitale per l'economia regionale, con oltre 56.000 pubblici esercizi, quasi 3.000 alberghi, piu' di 2.000 agenzie di viaggio e oltre 7.000 strutture ricettive non alberghiere, alle quali si aggiungono le numerose soluzioni abitative per soggiorni turistici brevi. In questo le montagne in particolare avranno un ruolo fondamentale: sono luoghi di bellezza e di salute che rispondono perfettamente alla necessita' di distanziamento sociale. In tal senso, il 'turismo active' permette di godere appieno dell'ambiente, come una vera palestra naturale, a cielo aperto, da vivere a 360° gradi". "Ogni settimana - spiega Martina Cambiaghi, assessore regionale a Sport e Giovani - compiamo dei passi in avanti per tornare sempre di piu' alla normalita'. Dopo l'apertura di palestre e piscine, ora e' la volta delle funivie e dei centri benessere Sono state settimane molto difficili, nelle quali l'ascolto e l'attenzione agli operatori dei diversi settori sportivi e della montagna, non e' mai mancata. Lavoriamo costantemente e con grande attenzione ora per garantire in sicurezza il graduale ritorno alla normalita'".
"Sono aperture molto importanti per l'economia di molte aree lombarde - sottolinea Antonio Rossi, sottosegretario regionale alla Presidenza con delega ai Grandi eventi sportivi - per questo abbiamo anticipato la decisione del Governo per riaprirle. E' il semaforo verde che tanti amanti del trekking, della mountain-bike, della corsa, del wellness aspettavano per tornare ad animare le nostre splendide localita' turistiche. Le terme, gli impianti a fune pienamente operativi e i centri benessere aiuteranno la ripresa del turismo. Sono numerose le aree di fascino della Lombardia pronte a ripartire e a dare un forte impulso all'economia locale e regionale. Il tutto, naturalmente, nell'ambito di ferrei protocolli anti Covid".
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco