Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 93.248.248
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 12/07/20

Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 9 µg/mc
Lecco: v. Sora: 7 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Venerdì 26 giugno 2020 alle 11:38

Lecco, tra sport e cultura, è in rincorsa per preparare l'estate

Gli assessori Roberto Nigriello e Simona Piazza
Tra le polemiche riapre il 29 giugno, in parte, il centro sportivo comunale del Bione. “Per il momento riapre l’area esterna ma entro il mese d luglio riaprirà nella sua interezza senza chiudere ad agosto per agevolare abbonati e associazioni sportive”. Queste le parole dell’assessore allo Sport Roberto Nigriello, che durante la commissione di giovedì sera ha spiegato quali sono state le mediazioni necessarie per arrivare a questo risultato.
“I tempi lunghi dipendono dagli interventi in materia di sicurezza che serve mettere in campo per poter riaprire, garantendo l’equilibrio economico-finanziario dell’attività. In questi giorni abbiamo definito quello che serve fare per riaprire l’esterno. Per la piscina le cose sono più complicate perché per poter essere in regola servono delle importanti manutenzioni ai condotti dell’aria e al sistema di riciclo che vanno sanificati e serve il tempo”. Dal punto di vista economico il Comune di Lecco riconoscerà a InSport, la società che gestisce il centro, le spese sostenute durante la chiusura e quelle necessarie per la messa in sicurezza, rinunciando anche al canone annuale”
Le spese si aggireranno sui 120/140mila euro “ma sono agevolazioni consentite dalla normativa perché si tratta di garantire un servizio pubblico” ha assicurato Nigriello. Il dirigente Massimo Gatti ha aggiunto che la negoziazione condotta è stata un atto tecnico gestionale condotto alla luce di cinque valutazioni: la normativa anti-Covid, i limiti entro cui si è potuto “stressare la corda” senza snaturare il contratto, quanto delle migliorie che rimanevano in capo al comune ma che in questo momento l’amministrazione ha acconsentito di anticipare, la possibilità di mantenere in equilibrio il rischio di impresa e l’interesse pubblico di garantire un servizio pubblico.
Se sullo sport ancora si fa fatica, la programmazione estiva culturale sembra pronta a partire. “È una programmazione intensa, fortemente voluta sia per permettere ai cittadini di riprendere una quotidianità da questo punto di vista, sia per promuovere un rilancio turistico della città” ha spiegato l’assessore alla Cultura Simona Piazza, aggiungendo che “il numero degli eventi sarà limitato ma la qualità alta e variegata”. Per immaginare le proposte estive quattro gli indirizzi seguiti dall’amministrazione: garantire una cultura inclusiva e aperta a tutti, assicurare la completa gratuità di tutti gli eventi, rispettare scrupolosamente le norme sulla sicurezza e valorizzare i luoghi della città, in prevalenza gli spazi aperti, estendendosi su tutto il territorio.
“Tutto partirà il 27/28 giugno in occasione della Festa del lago e della montagna. Ci sarà il tradizionale appuntamento del mercoledì sera con il cinema in città, mentre il giovedì sarà la sera dedicata al teatro con la rassegna Altri percorsi in estiva e una rassegna per i bambini, il venerdì sera sarà ospite l’Orchestra sinfonica Verdi di Milano e sabato sera sarà dedicato al Lecco jazz festival. Il 18 luglio è previsto un grande appuntamento con la notte bianca e nella seconda metà di agosto torna ‘Con la testa all’in su’. Ci saranno anche tanti appuntamenti per i giovani, gli autobus turistici e spazi aperti e animati”.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco