Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 92.775.576
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 05/07/20

Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 13 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc
Scritto Sabato 27 giugno 2020 alle 16:00

Margno: odiatori seriali scatenati, messaggi di rabbia sulla bacheca fb dell'uomo, zeppa di foto spensierate con i suoi bambini

Solo 78 amici. Ma il profilo Facebook (aperto) di Mario Bressi è diventato bacheca per violenti sfoghi di chi, probabilmente, nemmeno lo conosceva e nulla può sapere di cosa abbia spinto un padre 45enne a assassinare i suoi due figlioletti. Dalla diffusione della notizia circa quanto accaduto a Margno, il diario dell'uomo, fino a ieri costellato di belle foto con Elena e Diego, tra mari e monti, si è riempito di messaggi d'odio. Dalla macabra ironia del primo "Complimenti per quello che hai fatto" a scendere, in uno scorrere di testi, più o meno carichi di disprezzo.

La foto di copertina della bacheca fb di Bressi

"Che orrore hai commesso. Erano due angeli stupendi". "E pensare che quelle anime innocenti di chiamavano papà". "La vigliaccheria più grande è prendersela con i bambini", si legge, con il pensiero di molti commentatori rivolto ovviamente ai due gemelli, strappati alla vita ad appena 12 anni, dopo l'ennesima giornata trascorsa in allegra con il papà su quei monti che, tutti e tre, amavano particolarmente. L'uscita di ieri avrebbe potuto essere una tra le tante, come ricordato per esempio dagli scatti in Alta Badia, con i piccolini attrezzati di tutto punto da veri escursionisti non certo alle prime armi, già nell'agosto 2013, a soli 5 anni, come si evince dalla foto poste in raffornto da papà Mario con quelle dell'estate scorsa. Eppure la camminata alle Betulle è stata l'ultima. Non ci saranno più compleanni da immortalare o vittorie della Juve da festeggiare insieme.

Mario in foto spensierate con i suoi bambini

"Sono una mamma di gemelli maschio e femmina che hanno 13 anni: leggere questa notizia mi reca un forte dolore. Non riesco neanche a scrivere una parola di odio verso questo uomo per l'angoscia che provo ora" confessa una donna. "Chissà cosa ti è scattato nella testa, sicuramente avevi grossi problemi e nessuno se n'è accorto perchè una persona sana di mente non farebbe mai una cosa del genere. Ma perchè colpire sempre i bambini?" chiede un'altra signora. "Come hai potuto accaniti sui tuoi bambini per vendicarti con tua moglie? Vi vedo belli e felici... Certamente la tua vendetta non poteva essere più dura" una delle repliche di chi pensa di avere la chiave di lettura di una così pesante tradegia in tasca.

Un primo piano dell'uomo. Sotto le avvenuture con i figli "narrate" su fb

"Prima di giudicarlo sarebbe opportuno lasciare lavorare la magistratura e aspettare la conclusione delle indagini che verificheranno ogni responsabilità di questa tragedia" il suggerimento accorto di chi comunque non riesce a esimersi dal dire in ogni caso la sua. Come chi annota: "Parole al vento perche non le leggerà mai meglio evitare per rispetto delle anime innocenti". Forse sì, meglio il silenzio. Nel rispetto di tutti.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco