Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 98.061.925
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/09/20

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 24 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Domenica 05 luglio 2020 alle 14:27

Lecco, Fascendini coordinatore dei sub vf: fare attenzione al lago, nasconde ''insidie''


"Abbiamo davanti una lunga estate. Il caldo ci invita a dei bagni per prenderci del refrigerio. L'acqua in cui andremo ad immergerci nasconde le sue insidie. Specie nei fiumi o nei canali artificiali ma anche nei laghi. In particolare dove non esistono presidi atti al controllo dei bagnanti." Un messaggio lanciato sabato 4 luglio dagli studi del TG 3 Regionale delle 14, dal coordinatore dei vigili del fuoco sommozzatori, Luciano Fascendini. Un passato mandellese da assessore dal 2005 al 2014 con delega all'ambiente e alla sicurezza nella giunta del sindaco Riccardo Mariani. Poi una parentesi amministrativa ad Abbadia Lariana, con sempre la passione per la sua attività di attento baluardo della pubblica incolumità, come lo è da oltre quarantanni nell'animo e nel cuore. Una professione, che oggi lo porta dalla sua residenza di Robbiate a Milano presso la Caserma centrale di via Messina dei VVFF nucleo sommozzatori. Fascendini non conosce tregua. "Oggi domenica 5 alle ore 8 sarò a Genova al Centro operativo con il 118. Un tour de force fino alle mezzanotte con la speranza che non ci siano interventi." Un lavoro che a volte fa male e tocca le corde più sensibili di chi deve recuperare persone vittime delle acque. E' solo di pochi giorni fa l'intervento effettuato dallo stesso Luciano Fascendini al ritrovamento nell'Adda a Cornate del corpo del padre che si era gettato nel disperato tentativo di salvare la figlia di dieci anni, portata poi a riva da una seconda persona. Trascinato a due chilometri di distanza dalla forza della corrente, il corpo del genitore era stato ritrovato solo il mattino seguente. Il vigile sommozzatore conserva nei suoi tristi ricordi le immersioni nel mare di Lampedusa per riportare a riva i corpi dei numerosi migranti fermati nella corsa verso un nuovo mondo.

Ecco perché le parole, gli inviti alla prudenza, gli ammonimenti spesi nel corso dello spazio intervista al TG 3 dalla redazione milanese di Corso Sempione hanno, per questo periodo estivo che stiamo attraversando, un peso di enorme attualità. "In questi anni ho visto troppi annegamenti. Vorrei che queste cose non si verificassero più. Per cui ripeterò fino allo sfinimento le stesse raccomandazioni. Mai il bagno dopo aver mangiato e bevuto abbondantemente. Meglio magari bagnarsi solamente i piedi e prendere il sole. Dobbiamo attenerci a delle linee di buon senso personale affinché spazi di libertà non si traducano in tragedie." Il prossimo aprile 2021 Luciano Fascendini raggiungerà l'età della pensione. Cosa lo ha guidato in questi anni di intensa attività è racchiuso in poche semplici parole "Credere in quello che fai con professionalità e passione."
Al.Bot.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco