Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 94.611.360
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 30/07/20

Merate: 32 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 23 µg/mc
Lecco: v. Sora: 21 µg/mc
Valmadrera: N.D.
Scritto Venerdì 31 luglio 2020 alle 10:26

I riflessi della crisi devono trovarci pronti

Cara Leccoonline
La situazione attuale aggrava il disagio di quanti già vivevano in stato di povertà e induce in stato di bisogno chi poteva contare su adeguate garanzie di sostentamento.

1) In questo quadro ci son già strumenti di intervento istituzionali e, da tempo, è attivo il Fondo Famiglia della Chiesa da sostenere perché con efficacia e rapidità arriva diretto ai bisogni con un costante monitoraggio della situazione.
Ora più che mai servono contributi diretti.
Serve ampliare ulteriormente la gamma di servizi sociali, mantenendo invariate le tariffe e le aliquote, prevedendo nei mesi ulteriori agevolazioni e riduzioni per più ampi soggetti.

2) Dalla mensa, al comodato d'uso dei libri, ai trasporti per studenti e anziani, al sostegno pe le attività sportive ed extracurriculari, da subito.

3) Idem sono urgenti ulteriori risorse su buoni spesa a platee più ampie e incentivi alla calmierazione degli affitti, anche attraverso Enti e Fondazioni che, ove serve, li garantiscano.

4) Attivare una procedura straordinaria a favore delle persone disoccupate per ricalcolare in corso d'anno gli indicatori Isee sulla cui base vengon definite le agevolazioni tariffarie del Comune è  doveroso.

5) Così come l'applicazione del criterio di assegnazione di priorità a coop. reti solidali tra disoccupati ed ex lavoratori, che favoriscono il reinserimento occupazionale di soggetti in difficoltà per il conferimento di incarichi che non comportino l'esperimento di gare d'appalto, tipo Cesea di Tore Rossi, è da sostenere.

6) Idem pensare all'esenzione dal pagamento della Tari in base all'Isee, puntuale, nonché una dilazione all'anno prossimo per i vari tributi locali, nonché delle bollette delle Partecipate Comune per l'erogazione di Gas/Acqua/Luce ect.

7) La strada per alleviare le difficoltà può essere accordi con Banche, Fondazioni, Fondi garanzia, per la concessione di finanziamenti agevolati a favore di neo imprenditori, commercianti, famiglie, con quota interessi iniziale a carico del Comune.

8) Sperimentare forme di microcredito per il sostegno ai consumi delle famiglie è auspicabile. È indubbio che se 15 famiglie si uniscono possano sostenerne 1 in difficoltà.

9) Un fondo di mutuo soccorso per supportare la ripresa delle piccole attività commerciali con una quota del Comune e una dell'Associazione di categoria sia diretta all'esercizio sia per la programmazione di iniziative di interesse pubblico che stimolino la ripresa è ipotesi da vitalizzare.

10) Un sostegno a/con realtà solidali di consegne a domicilio tra negozi di quartiere e per dirottare sul "delivery" le attività di bar e ristorazione è un'altra strada. Nonché finanziare il passaggio all'online per le vendite dei commercianti e la digitalizzazione dei loro processi.

Queste sono solo alcune fattibili azioni, tra le possibilità di sostegno dentro le difficoltà attuali
Paolo Trezzi
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco