Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 95.083.933
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 09/08/20

Merate: 24 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 20 µg/mc
Valmadrera: 19 µg/mc
Scritto Venerdì 31 luglio 2020 alle 19:38

Onno: recuperato grazie al robot dei VVF il corpo senza vita del ventiseienne disperso

E' stato recuperato a circa novanta metri di profondità il corpo di Florin Iancu, il ventiseienne di origini rumene disperso da una decina di giorni dopo essere finito nelle acque di fronte a Onno, frazione di Oliveto Lario.
Il rinvenimento risale al pomeriggio odierno grazie all'intervento dei vigili del fuoco di Lecco che hanno scandagliato il lago con l'aiuto di un robot messo a disposizione dai sommozzatori di Milano.
Il ragazzo era annegato lo scorso 22 luglio dopo essere uscito per un giro sul lago in barca, in compagnia di un coetaneo. Se l'amico era stato salvato dagli altri bagnanti, per Iancu non c'è stato nulla da fare. In pochi minuti il suo corpo era sparito nel lago inabissandosi, fino al ritrovamento di questo pomeriggio.

Un'uscita che si è dunque conclusa in tragedia per i due amici di nazionalità romena, residenti a Torino ma alloggiati in una struttura ricettiva del territorio. Non è chiaro se i ragazzi avessero tentato un tuffo al largo, dimenticando acceso il motore del natante preso a nolo per il pomeriggio sul Lario. Oppure se, presa male un'onda mentre erano in movimento, si sono ritrovati improvvisamente sbalzati nel lago.
I due hanno poi disperatamente tentato di raggiungere il mezzo per tornare a bordo, senza riuscirci, gridando aiuto per richiamare l'attenzione delle altre imbarcazioni e dei bagnanti intenti a prendere il sole sulla spiaggia a nord di Onno, all'altezza - sull'altra sponda - delle gallerie prima di Abbadia della ss36.
Il 26enne recuperato dai bagnanti era stato trasferito in ospedale, tutto sommato in buone condizioni, nonostante il principio di annegamento e lo shock per l'accaduto. Del compagno di avventure invece, non era stata riscontrata traccia sino a oggi pomeriggio, con il rinvenimento del suo corpo senza vita nella zona in cui si era verificato l'incidente.
Articoli correlati:
22.07.2020 - Onno, giovane disperso nel Lago: senza esito le ricerche, arriverà il 'robottino' per scandagliare il fondale
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco