Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.066.104
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 23/02/2021
Merate: 80 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 54 µg/mc
Lecco: v. Sora: 50 µg/mc
Valmadrera: 71 µg/mc
Scritto Martedì 04 agosto 2020 alle 14:26

Casargo: 182.107 euro da Regione per una strada agro-silvo-pastorale, per la 'rinascita' dell'alpeggio di Chiarelli

L'Alpe Chiarelli (frame tratto da un video su Fb dell'Albergo Ristorante Alpino)
Ammonta a 182.107,09 euro il contributo assegnato da Regione Lombardia al Comune di Casargo nell'ambito di uno stanziamento da 12.5 milioni per infrastrutture destinate allo sviluppo del settore agro-forestale.
Nello specifico il progetto di Casargo - che porta la firma del dott. Matteo Pozzi ed è stato presentato nel novembre 2019 - riguarda la realizzazione di una nuova strada agro-silvo-pastorale tra l'Alpe Chiarelli ("Ciarei") e la Val Marcia, secondo l'intenzione in prospettiva dell'Amministrazione Comunale di far rinascere l'alpeggio abbandonato di Chiarelli per restituire alla collettività un luogo dimenticato e sconosciuto da troppo tempo, nonché uno dei più belli dal punto di vista paesaggistico dell'Alta Valsassina (CLICCA QUI). Tutte le opere saranno realizzate con interventi di ingegneria naturalistica, con particolare attenzione all'ambiente.
"Vogliamo sostenere la logistica in montagna, necessaria anche per il settore agricolo, e dare un ulteriore valore economico a questi territori" ha dichiarato Fabio Rolfi, assessore all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia nel commentare quello che definisce "un intervento economico importante". A beneficiarne sono direttamente i Comuni e i consorzi per l'adeguamento e il miglioramento di strade agro-silvo-pastorali ad uso collettivo già esistenti, compresa la messa in sicurezza e l'adeguamento agli standard previsti dalle classi di transitabilità I e II relativamente alla larghezza della carreggiata e alla pendenza, e per la realizzazione di nuove infrastrutture.
Il provvedimento regionale si applica nei Comuni di collina ricompresi nei territori delle Comunità Montane e in quelli di montagna, individuati secondo la classificazione ISTAT. Gli interventi relativi alle infrastrutture viarie rientrano nei Piani VASP (Viabilità Agro-Silvo-Pastorale) approvati. La realizzazione, l'adeguamento e il miglioramento di strade agro-silvo-pastorali possono essere effettuati da Enti pubblici, Enti di diritto pubblico e Consorzi forestali. I gestori privati possono occuparsi solo di lavori di adeguamento e miglioramento.
"I progetti sono stati valutati in base ai requisiti qualitativi delle opere richieste e al livello di progettazione. La montagna - ha concluso Rolfi - ha bisogno di interventi mirati per renderla più fruibile anche in chiave di prevenzione idrogeologica".
In Provincia di Lecco sono stati finanziati complessivamente cinque progetti, per un totale di 620 mila euro: oltre a quello di Casargo, ne figurano tre presentati dal Comune di Premana - rispettivamente per 111.220,16, 59.514,67 e 68.624,56 euro - nonché uno della Comunità Montana Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino e Riviera per 202.655,71 euro.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco