Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.706.855
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/03/2021
Merate: 53 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 32 µg/mc
Valmadrera: 39 µg/mc
Scritto Sabato 08 agosto 2020 alle 11:16

Barzio: inaugurata la 55.ma edizione della Sagra delle Sagre. Benedetti, atto di coraggio per chi ha scelto di esserci, fiducia nei visitatori e un pensiero a Renato Corbetta che la ideò nel '66

Taglio del nastro, nella mattinata odierna per la 55esima edizione dalla Sagra delle Sagre. Edizione “mascherata”. Edizione della rinascita.
Dopo il lungo stop imposto dal covid, si tratta infatti del primo grande appuntamento sul territorio, con la Valsassina dunque apripista nella ricerca di uno spiraglio di normalità. Nel rispetto, sempre e comunque, delle norme di distanziamento sociale.

Alcune immagini dell'inaugurazione di questa mattina. Da sinistra i consiglieri regionali Antonello Formenti,
Raffaele Straniero, Mauro Piazza, il ''patron'' Ferdinando Pucci Ceresa, don Lucio e Riccardo Benedetti

E proprio rispetto è la prima delle sei parole elencate da Riccardo Benedetti a nome dell'organizzazione quali termini caratterizzanti della Sagra delle Sagre 2020. Rispetto delle regole ma anche rispetto per gli operatori, “persone che non hanno lavorato per mesi e che meritano dunque il rispetto di tutti per aver scelto di esserci”. C'è poi il coraggio di chi ha scelto di credere, ancora una volta, in un clima di incertezza, nella kermesse nata nel lontano 1966. E c'è, di conseguenze, la fiducia risposta nei visitatori. Immancabile, come ogni anno, la solidarietà declinata attraverso la lotteria della Sagra quest'anno gestita dai volontari del Soccorso Bellanese per l'acquisto di una nuova ambulanza.


Gli amministratori che hanno preso parte all'inaugurazione
(CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE)


Il Premio Sagra 2020 è invece un atto di riconoscenza: sarà consegnato lunedì all'Ordine dei Medici della Provincia di Lecco, quale grazie ai camici bianchi, agli infermieri e a tutti i professionisti della sanità che hanno fronteggiato l'emergenza coronovirus. Sarà – ha sottolineato Benedetti, affiancato sul palco da Ferdinando Pucci Ceresa, patron della società organizzatrice dell'evento – “il nostro modo per omaggiare anche tutte le vittime dell'epidemia”, nel rispetto delle quali altri hanno scelto invece di fermare ogni iniziativa.

Arrivando a quota 55 edizioni, infine, immancabile la parola “ricordo” con il pensiero indirizzato a Renato Corbetta, ideatore della Sagra delle Sagre, che l'11 agosto avrebbe tagliato il traguardo delle 100 primavere.



La sua forza, ereditata da chi ha preso in mano le redini della manifestazione, rendono l'appuntamento agostano a Pra Buscante diverso da tutti gli altri. E l’edizione 2020 ne è la conferma. Sentito l'applauso rivolto dunque ai promotori, dai tanti sindaci della Valle che, in fascia tricolore, hanno assistito alla semplice cerimonia inaugurale, con la kermesse tenuta quest'anno a battesimo dai tre consiglieri regionali del territorio, ciascuno dei quali ha aggiunto un ulteriore termine a quelli proposti da Benedetti.



“Intelligenza” quello sottolineato da Antonello Formenti. “Speranza” quello evidenziato da Mauro Piazza. “Prudenza” infine, quale altra faccia del coraggio necessario per affrontare le salite della montagna e della vita, il vocabolo proposto da Raffaele Straniero. A loro tre i ringraziamenti di Fabio Canepari, presidente della Comunità Montana, parlando della Sagra come “possibilità di far rinascere aziende e attività nonché il territorio attraverso il turismo”.


Alle 10 in punto, dopo la benedizione di don Lucio, l'apertura dei cancelli, con i primi avventori già in attesa. Schierati nelle pagode ormai tipiche dell'allestimento della Sagra delle Sagre, artigiani della Valle e operatori da tutta Italia con i prodotti più disparati in vendita, dal formaggio a km 0 alla liquirizia, dalle salsicce capaci di profumare l'aria dello spazio fieristico ai prodotti per il giardinaggio, dai calzini alle borse, dalle caramelle agli oggetti in legno. Di tutto un po', insomma. In mostra fino al 16 agosto.
Clicca QUI per il programma completo
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):
A.M.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco