Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.017.024
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 23/02/2021
Merate: 80 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 54 µg/mc
Lecco: v. Sora: 50 µg/mc
Valmadrera: 71 µg/mc
Scritto Domenica 09 agosto 2020 alle 12:56

San Lorenzo: notte di suggestione sotto le stelle

Quella del 9 agosto non è una notte qualunque: è quella di San Lorenzo. Innamorati, astronomi, poeti, curiosi faranno le ore piccole, verso il 10 Agosto, con gli occhi rivolti al cielo. E’ la notte delle stelle cadenti, quando la tradizione vuole che il fortunato, in grado di scorgere il rapidissimo passaggio di un corpo celeste all’impatto con l’atmosfera terrestre, potrà esprimere un desiderio che verrà esaudito.
    E’ una notte di attesa e di suggestione, una serata estiva di stelle e di sogni. Così ritorna la notte di San Lorenzo, resa anche famosa da una bellissima poesia di Giovanni Pascoli, il poeta della Romagna solatia. Lorenzo era un diacono della Chiesa di Roma, forse nativo di Toledo, in Spagna; venne martirizzato per la fede cattolica sulla graticola nell’anno 258. Il fuoco ardente ha sprigionato scintille, schegge di “lacrime” incandescenti che si rinnovano ogni anno in cielo la sera del suo martirio. Questa è la tradizione ma le stelle fuggenti nel cielo sono le Perseidi della costellazione di Perseo.
    Per San Lorenzo torna la festa patronale a Mandello Lario, Ballabio Inferiore, Abbadia Lariana, Rossino di Calolziocorte, Cortabbio di Primaluna, Vendrogno, nella Muggiasca. In quest’ultimo centro, la parrocchia di San Lorenzo domina la valle del Pioverna, da Bellano alla Costa d’Oro. La chiesa è già menzionata nell’elenco del Liber Notitiae del 1300. San Lorenzo è antica parrocchiale divenuta tale nel 1368, quando si staccò dalla Prepositurale dei Santi Nazaro e Celso, in Bellano. L’attuale aspetto della chiesa è barocco e risale al 1728. E’ sede di un’antica Confraternita, con apposita sala di riunione per gli appartenenti.
    L’antica chiesa di San Lorenzo al lago di Mandello Lario è stata consacrata nel 1619 dal vescovo Filippo Archinti, come scrive Dino Brivio nei suoi volumi “Itinerari lecchesi lungo quel ramo”, editi dalla Banca Popolare di Lecco negli ani ’80 del Novecento e stampate dalle Grafiche Stefanoni. Antonio Balbiani, di Mandello Lario, nelle sue ricerche storiche, ha sottolineato che la chiesa di San Lorenzo attuale ha preso il posto della basilica romanica abbattuta perché si voleva un edificio nuovo e maestoso, degno dell’importanza della borgata.
    Tutte  le feste di San Lorenzo subiranno quest’anno limitazioni di programma e di svolgimento per i provvedimenti in vigore contro l’emergenza covid 19. Sarà un motivo in più per osservare le stelle nella notte di San Lorenzo e per cogliere l’attimo di un desiderio da esaudire: il ritorno alla piena salute nel mondo intero.
A.B.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco