Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 114.791.260
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/03/2021
Merate: 53 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 32 µg/mc
Valmadrera: 39 µg/mc
Scritto Lunedì 17 agosto 2020 alle 09:50

Cremeno-Cassina: processione e Messa per la ricorrenza di San Rocco

Nonostante l’incertezza del tempo che fino al primo pomeriggio non presupponeva schiarite, l’ostinazione dei devoti di Cremeno e Cassina Valsassina di rendere onore e gratitudine a San Rocco è stata ricompensata. Alle ore 16.30 i confratelli hanno trasportato la Statua dalla Chiesa di San Giorgio al campo sportivo dell’Oratorio San Giovanni Bosco accompagnati dai sindaci dei due comuni con i rispettivi gonfaloni. Da ricordare che il 16 di agosto ricorre anche la data di nascita di San Giovanni Bosco, nato nel 1815.




Alle 17.30 si è svolta la Solenne Santa Messa preceduta dal dono floreale alla statua, da parte dei sindaci Pierluigi Invernizzi per l’Amministrazione Comunale di Cremeno e Roberto Combi per quella di Cassina Valsassina. La Schola Cantorum della Parrocchia San Giorgio ha accompagnato la funzione celebrata dal Parroco della Comunità Regina dei Monti Don Lucio Galbiati insieme a Don Ettore Codega, prete residente in Maggio, nonché Don Gianmaria Manzotti, responsabile della pastorale giovanile, e dal Diacono Fabrizio Valsecchi.



Numerosa la partecipazione dei parrocchiani di Cremeno e di Maggio, oltre che dei villeggianti che hanno voluto dimostrare la devozione per questo Santo soprattutto in questo particolare momento di pandemia. Nell’omelia il parroco Don Lucio ha voluto ricordare come la figura di San Rocco sia l’esempio dell’amore gratuito verso il prossimo e di come questo valore sia oggigiorno necessario per far sì che le nostre Comunità siano capaci di sostenersi in un amore reciproco.



Al fine di mantenere viva la devozione al Santo, non solo nella ricorrenza di agosto ma durante tutto l’anno, Don Lucio ha ricordato che la messa vespertina di ogni 16 del mese sarà il momento per quanti sono amici e devoti a San Rocco per rinnovare e mantenere viva la devozione. La Messa è terminata con la Solenne benedizione e la distribuzione dell’immaginetta del Santo.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco