Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 137.336.368
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 27 agosto 2020 alle 14:31

Abbadia: madre e figlia si immergono nel lago ma la corrente le trascina verso il fondo. La donna si salva, ora si cerca la 12enne

Da poco dopo le 14 di questo pomeriggio, sono in corso - nel tratto di lago che fronteggia la spiaggia Ulisse Guzzi di Abbadia, in località Poncia - le ricerche di una ragazzina di 12 anni scivolata nell'acqua e mai più riaffiorata.

Da quanto si apprende l'adolescente era arrivata da poco al lido assieme alla madre che, con lei, si era immersa mano nella mano per un bagno rinfrescante. Le due, forse mettendo un piede in fallo in una zona dove non toccavano, sono state trascinate verso il largo dalla corrente.



https://youtu.be/t8wA-ekkbHU

La donna è stata afferrata dal marito che è riuscito a trarla in salvo mentre la figlia è stata risucchiata dalla forza dell'acqua facendo perdere le proprie tracce, tra lo stupore dei tanti bagnanti presenti, impontenti dinnanzi alla tragedia consumatasi sotto i loro occhi in un afoso pomeriggio d'estate.

Immediata la richiesta di intervento al numero di emergenza 112 che ha fatto convergere sul posto personale sanitario con l'autoinfermieristica e l'ambulanza del soccorso degli alpini di Mandello unitamente ai vigili del fuoco che hanno avviato le operazioni di ricerca dapprima con una pilotina poi con ulteriori rinforzi: inviati a Abbadia, infatti, anche l'elicottero levatosi in volo da Malpensa - presto atterrato perchè troppo pericoloso sorvolare un'area densamente popolata, con ombrelloni e salviettoni - nonchè i sommozzatori.

Grande supporto è stato offerto anche dai gestori della spiaggia che hanno provveduto a liberare progressivamente l'area a lago per non intralciare le operazioni dei vigili del fuoco che hanno dapprima scandagliato il tratto antistante il punto indicato come il luogo in cui la ragazzina si è inabissata per poi estendere la perlustrazione sia più a sud che più a nord, in presenza anche di correnti contrarie. Si sono portati alla Poncia anche la comandante della Polizia Locale e i Carabinieri che hanno provveduto a generalizzare i genitori della giovane scomparsa, originari del Gambia, residenti a Monza, arrivati ad Abbadia per un pomeriggio di sole e Lago con i loro quattro figli, due maschi e due femmine, tra i quali - appunto - anche la 12enne dispersa.

Aggiornamenti appena possibile

© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco