Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 98.134.018
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/09/20

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 24 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Venerdì 11 settembre 2020 alle 20:57

Calolzio: scuole pronte alla ripartenza, 'in due mesi lavori eccezionali per la sicurezza'

A Calolzio è davvero tutto pronto per la ripresa delle scuole. E l'Istituto Comprensivo - ora sotto la guida del reggente Tiziano Secchi - è uno dei pochi, forse l'unico, in tutta la provincia lecchese a ripartire esattamente da dove si era fermato, garantendo tutti i servizi in essere nel "pre Covid" senza dividere nessun gruppo classe, in un'ottica di assoluta continuità.
Tutto ciò grazie a un lavoro che il sindaco Marco Ghezzi non ha esitato a definire "eccezionale", tanto per le tempistiche quanto per gli interventi effettivamente realizzati, in particolare nei plessi di Sala e Foppenico.


Il vice sindaco Aldo Valsecchi, gli assessori Cristina Valsecchi e Dario Gandolfi


Il sindaco Marco Ghezzi


Il reggente Tiziano Secchi


L'assessore Tina Balossi e la vicaria Brunella Frigerio

"Siamo partiti con largo anticipo, a metà giugno, prendendoci anche qualche rischio vista la mancanza di precise linee guida, ma la strategia ha funzionato" ha commentato il primo cittadino, lasciando poi la parola al vero "direttore" dei lavori, l'assessore Dario Gandolfi. "L'obiettivo - raggiunto - era quello di garantire il massimo della sicurezza senza sdoppiare nessuna classe" ha spiegato quest'ultimo, rivolgendo un doveroso ringraziamento al personale comunale, ai docenti, ai collaboratori scolastici e ai dipendenti della cooperativa "Il Grigio", nonché al dottor Rampello (RSPP), allo stesso sindaco Marco Ghezzi e al suo vice Aldo Valsecchi, "capo operaio aggiunto" in questi mesi di lavoro post lockdown.


Il consigliere delegato all'edilizia scolastica Fabio Mastroberardino e l'ingegner Stucchi


L'assessore Dario Gandolfi




Nello specifico, in tutti i plessi scolastici calolziesi sono stati realizzati nuovi accessi con percorsi pedonali protetti da transenne e pensiline varie, è stata effettuata una pulizia generale - "la più importante degli ultimi trent'anni" - e sono stati riorganizzati gli spazi interni in modo da rispettare le norme di distanziamento, sia nelle classi che nelle mense, tutte molto frequentate.
"In totale abbiamo demolito otto pareti costruendone due nuove, con tutte le conseguenze del caso in termini di strutture e impianti" ha sottolineato l'assessore. "Abbiamo inoltre dotato tutte le sezioni di LIM e della fibra, tanto attesa soprattutto a Foppenico, dove in generale sono stati messi in campo sforzi importanti, sistemando ogni singola aula".


Il nuovo "Albero della vita"



La mensa


L'area esterna dove saranno realizzati i lavori di ampliamento dell'edificio di Sala

Altrettanto significativi, come anticipato, gli interventi effettuati alla scuola di Sala, dove però già prima dell'emergenza sanitaria era in fase di progettazione una (parziale) riorganizzazione degli spazi, resa ora possibile grazie all'installazione di un "Albero della vita", che presto si illuminerà regalando ai piccoli dell'Infanzia la novità di tanti giochi di luce: la struttura, ideata dall'ingegner Stucchi della Carpenteria Colombo, ha consentito sia una migliore divisione dell'ampio locale al pianoterra, dove sono già state posizionate diverse transenne, sia una messa in sicurezza dell'altrettanto esteso corridoio al di sopra delle scale, che di fatto risultava da tempo inutilizzabile - oltre che un po' pericoloso - a causa della presenza di un parapetto.


Il piano superiore, dove è stato "eliminato" il parapetto creando un unico spazio



Un'aula



Soddisfatti di quanto presentato dall'Amministrazione Comunale - solo alla stampa, non potendo aprire le porte dell'istituto al pubblico - anche il nuovo reggente Tiziano Secchi e la vicaria Brunella Frigerio, confortati dai buoni riscontri della prima settimana di attività della scuola dell'Infanzia. "Non vediamo l'ora di ripartire, con ottimismo e speranza" hanno commentato, con la consapevolezza del fatto che "la ripresa sarà graduale, perché i bambini avranno bisogno di tempo per abituarsi alle novità".



L'ingresso alla scuola di Sala, dove è stato realizzato anche un nuovo cancelletto pedonale


Due immagini del plesso di Foppenico



A tal proposito, il Comune di Calolzio è pronto a offrire a tutti i plessi cittadini anche un buon quantitativo di mascherine, conservate gelosamente dal sindaco stesso in attesa dell'arrivo di quelle promesse dal Governo (insieme agli ormai famosi banchi con le rotelle). "Si renderanno sicuramente utili, per esempio per il Piedibus - i cui iscritti dovranno sempre indossarle lungo il tragitto - e per i casi di necessità che emergeranno nei prossimi mesi" ha dichiarato Marco Ghezzi, annunciando infine l'imminente avvio di ulteriori lavori alla scuola di Sala: "Con il progetto esecutivo pronto, come da accordi con la dirigenza e le famiglie a breve si andrà a gara per gli interventi di ampliamento dell'edificio dal lato di via Erta: un altro "passo" importante, che si aggiunge a quanto fatto negli ultimi mesi - grazie alla collaborazione di aziende e artigiani esclusivamente del nostro territorio - con l'obiettivo di mantenere invariata l'offerta nel massimo rispetto delle nuove norme in vigore, a beneficio di tutti".
B.P.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco