Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 98.132.474
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/09/20

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 24 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Domenica 13 settembre 2020 alle 12:48

Soddisfazione per l'edizione zero de 'La Rocca Incantata'

Dopo un weekend di maltempo che aveva fatto saltare l’iniziativa, “La rocca incantata” si è tenuta. L’evento, organizzato in collaborazione tra Pro loco di Malgrate e Valmadrera, rispettivi comuni e Valmabar - associazione valmadrerese che riunisce i bar del paese - è al suo primo debutto, o come lo definisce il presidente Marco Vassena “l’edizione zero”. Il numero uno della Proloco di Malgrate, infatti, è convinto che questa sia “un’occasione per rompere il ghiaccio, per far capire che si può fare qualcosa di innovativo, che c’è la capacità di fare e di collaborare in un contesto che di per sé dà tanto”.

E questo non può esser che vero. L’evento infatti, ha previsto la chiusura della strada Rocca, che unisce Valmadrera e Malgrate in un suggestivo tratto a sbalzo sul lago in modo tale da poterla “disseminare” di tavoli e sedie, ben distanziati tra loro nel rispetto delle normative anti-Covid. Certo è che l’organizzazione dell’evento è costata non poca fatica ai volontari, che hanno dovuto barcamenarsi con un tratto di strada da una parte sprovvista di illuminazione e dall’altra ostica in termini di sicurezza, vista la presenza di un muretto basso che poco si coniuga con le transenne.

Ma gli organizzatori sono riusciti a risolvere tutte le difficoltà, grazie anche alla collaborazione e alla sinergia creatasi dopo mesi di confronti.
Soddisfazione anche da parte degli esercenti che hanno trovato un’occasione per ripartire dopo un periodo di chiusura e poi di lenta ripresa post-lockdown. Dalle caramelle al pesce, dalla birra ai cocktail fino ai truccabimbi: attività e divertimento per tutte le età sono state fruibili dalle 14 alle 24, animando così un sabato pomeriggio e sera di inizio settembre.


L’ha definito “un momento di festa dove con responsabilità cerchiamo di riprenderci la scena da protagonisti” Antonio Rusconi, primo cittadino di Valmadrera, che ha deciso di essere presente per dare un segnale di supporto e condivisione proprio da parte dell’amministrazione. “Lunedì inauguriamo il punto gioco: è un segno di speranza perché è dai più piccoli che nasce la voglia di ricominciare”; una ripartenza che si inserisce anche nella cornice di ieri sera “il cui merito è completamente delle proloco e dei commercianti” ha concluso Rusconi.


Alle 21.30 si è poi svolto un momento dedicato ai due valmadreresi Stefano Butti e Stefano Ciresa, prima dell’Everesting: salire e scendere per 8 volte dalla piazza di Valmadrera fino a Pianezzo, per una distanza eguale al dislivello dell’Everest.

Tanta soddisfazione anche per Marco Valsecchi e Fabrizio Appiani, i due coordinatori del gruppo Valmabar, che nella giornata di ieri hanno allestito, insieme con altri esercizi di Valmadrera, un punto vendita di birra e cocktail. “Vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno partecipato; siamo contenti che qualcuno abbia colto questa possibilità” è il commento di Fabrizio Appiani.

Il ricavato dell’iniziativa, come già anticipato nella conferenza stampa di presentazione dell’evento, sarà utilizzato per addobbare la città durante il periodo natalizio.
A.A.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco