Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 100.748.622
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 18/10/20

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Lunedì 14 settembre 2020 alle 14:06

Cava di Chiuso: niente sospensiva, i lavori per il deposito continuano


L'azienda potrà continuare a portare avanti gli interventi autorizzati dalla Provincia, all'esito dell'apposita Conferenza dei servizi. L'iter per la realizzazione di un deposito di inerti nell'ex cava di Chiuso, dunque, non si ferma. Almeno per ora. E' quanto ha stabilito il TAR della Lombardia, rigettando la richiesta di sospensiva avanzata dal Comune dopo aver "appellato" la decisione avallata da Villa Locatelli.
Il Tribunale amministrativo regionale, sentite le parti - con Palazzo Bovara rappresentato dall'avvocato Maurizio Boifava, la Provincia dall'avvocato Andrea Gandino e la Pozzi Virginio Strade dagli avvocati Luca  Prati, Elisabetta Scotti e Elena Capone - ha ritenuto "che le esigenze di parte ricorrente sono adeguatamente tutelabili con la sollecita definizione del giudizio nel merito".
L'udienza è fissata per il 2 marzo.
Articoli correlati:
02.09.2020 - Chiuso: ruspe all'interno dell'ex cava, i residenti sulle barricate. A breve il parere del TAR
08.06.2020 - Lecco, deposito di inerti nella ex cava di Chiuso: il Comune contro la Provincia. Chiede sospensione in auto-tutela e ricorre al TAR
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco