• Sei il visitatore n° 163.998.172
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Mercoledì 16 settembre 2020 alle 13:59

Sparatoria di Olginate: tante le 'risposte' attese dall'esame autoptico, i De Fazio auspicano una celere restituzione della salma

L'anatomopatologo
dr. Paolo Tricomi
Paolo Tricomi. Sarà il noto anatomopatologo, già primario al Manzoni, ad occuparsi dell'esame autoptico disposto dal procuratore facente funzioni Paolo Del Grosso sulla salma di Salvatore De Fazio, il 47enne giunto esanime all'ospedale di Lecco dopo essere stato bersagliato da una serie di proiettili esplosi al suo indirizzo all'incrocio tra via Albegno e via Santa Maria nel primo pomeriggio di domenica a Olginate.
L'incarico allo stimato professionista è stata formalizzato questa mattina. Ampio il quesito formulato dal magistrato per cercare di raccogliere quanti più elementi. A tal proposito oltre all'autopsia sono stati disposti una serie di ulteriori accertamenti, quali l'esame tossicologico. L'attenzione sarà però tutta focalizzata sulle ferite riportate dal calabrese trapiantato al nord, incensurato, padre di tre figli. Dalla loro analisi potranno essere infatti fornite informazioni essenziali per ricostruire la dinamica dell'omicidio, a cominciare dalla distanza tra la vittima e il suo assassino nonché sulla direzione dei colpi che hanno raggiunto il frontaliere, a lungo rianimato all'arrivo dei volontari del soccorso supportati dai sanitari dell'automedica che nulla hanno potuto però per salvargli la vita durante il disperato tentativo di raggiungere il nosocomio lecchese.
Le operazioni peritali verranno videoregistrate, una richiesta questa concordata tra il PM e l'avvocato Nadia Invernizzi, nominata dalla consorte e dai figli di Salvatore De Fazio, al fine di accelerare poi i tempi di restituzione del corpo del 47enne alla famiglia stessa. Volontà dei congiunti, raggiunti nell'abitazione di Olginate dall'anziana madre del defunto, è poter tributare in tempi stretti un degno saluto al loro caro. Il legale della vittima così come l'avvocato Marcello Perillo scelto invece dalla signora Valsecchi, in nome e per conto del marito Stefano, ad oggi unico indagato (irrintracciabile), si sono riservati la possibilità di incaricare un loro consulente da affiancare al dottor Tricomi durante l'esame autoptico.

Fiori sul luogo dell'omicidio

L'anatomopatologo poi visiterà, appena possibile, anche Alfredo De Fazio, ad oggi ricoverato all'ospedale di Varese in condizioni critiche. La Procura – allo stesso scopo del quesito posto in relazione al fratello – vuole una relazione sulle lesioni riportate dall'uomo, unico testimone diretto della sparatoria esitata in tragedia.
Proseguono intanto le ricerche di Stefano Valsecchi, al momento ancora a piede libero.
Articoli correlati:
16.09.2020 - Sparatoria di Olginate, il sindaco: occorre continuare sulla strada dell'educazione alla legalità
15.09.2020 - Sparatoria di Olginate: disposta l'autopsia sulla salma di De Fazio. Ancora non si è trovato l'assassino
14.09.2020 - Sparatoria di Olginate: si cerca un calolziese la cui auto era in via Albegno, fuggito poi su una moto
13.09.2020 - Olginate: è morto prima dell'arrivo in ospedale Salvatore De Fazio, il 47enne ferito nella sparatoria di via Santa Maria
13.09.2020 - Olginate: sparatoria in via Santa Maria, uomo sull'asfalto in fin di vita. Un altro trova rifugio in un condominio. Aggressore in fuga
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco