Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 158.947.943
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
Scritto Giovedì 08 ottobre 2020 alle 17:32

Il tempo di nutrire anche la scuola

Cara Leccoonline
C'è qualcosa che non va nel tempo mensa a scuola. Non è solo tempo Covid ma questo lo sta acuendo.
Nella primaria regole, distanziamenti, procedure a cornice del quotidiano svolgimento già del solo servizio mensa, non paion essere a fuoco
Manca personale.
Le insegnanti si fanno in otto.
Alcune ragazze assunte con contributi privati, perché Comune e Stato non mettono risorse, sono appena state assegnate per supportare gli alunni durante il loro tempo mensa
Distanziamento, pulizia, accorgimenti, trasferimento da classe a refettorio e viceversa.
In alcuni plessi c'è un numero troppo basso di insegnanti e ragazze assunte, in rapporto al lavoro e alla necessità di controllo e attenzione.
In alcuni plessi i bimbi troppo piccoli non possono avere naturalmente contezza del rispetto delle regole, la mascherina è ballerina e il distanziamento è saltuario.
In alcuni plessi l'aspetto ecologico di facile soluzione ma non attuato comporta uno spreco di cibo evidentemente superiore al già alto dato degli anni scorsi dove era sistematico già il 20%.
In alcuni plessi plessi, il servizio è una specie di self service dove l'alunno prima di sedersi riceve una bottiglietta d'acqua, un panino in confezione chiusa e primo e secondo piatto nello stesso momento.
Però, fuori logica, possono alzarsi per bis, tris.
E immancabilmente, per appetito, quantità e gusto, il cibo avanza, resta nel piatto appena  toccato, molto, tanto, troppo. Che poi si butta.
Così l'acqua e la plastica monouso. Non era arrivato il tempo e le donazioni Silea delle borracce?
Non è fondamentale, per l'educazione alimentare e civico-ambientale, nel rispetto e in sicurezza, promuovere queste nuove abitudini?
Poi mettere in atto soluzioni di supporto a insegnanti e alunni?
Paolo Trezzi
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco