Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 100.655.472
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 18/10/20

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Martedì 13 ottobre 2020 alle 11:12

Abbadia: il Comune 'fa i conti' dell'estate, tra ticket e norme di distanziamento nei parchi

Un'immagine del Parco di Pradello
Ad autunno inoltrato, con la stagione estiva ormai definitivamente conclusa, il Comune di Abbadia Lariana tira le fila delle strategie adottate per contrastare la diffusione del Covid e, quindi, contingentare gli accessi ai luoghi che più di tutti, in paese, attirano locali e turisti.
Sono stati tre, infatti, gli spazi posti "sotto controllo" dall’Amministrazione guidata da Roberto Azzoni, che ha voluto essere "il più preciso possibile nell'applicazione delle norme anti-Covid per il rispetto assoluto che porta nei confronti dei propri cittadini e di tutti i fruitori delle sue bellezze naturalistiche". "La tutela della salute pubblica nel territorio comunale è stata la priorità assoluta nelle decisioni prese in questo periodo così particolare" ha tenuto a sottolineare l’Amministrazione stessa.
Su questa linea di pensiero, considerata l’affluenza registrata nella stagione estiva nelle zone di Pradello, Chiesa Rotta e Parco Ulisse Guzzi, "l’Amministrazione si è quindi trovata, rispetto agli anni precedenti, a dover garantire un servizio d’ordine per rispettare il distanziamento interpersonale, evitare assembramenti e gestire gli ingenti flussi in arrivo sul territorio comunale".
Una decisione che ha causato non poche critiche nei confronti proprio del primo cittadino e del suo gruppo di lavoro: il parco che più di tutti ha causato malcontenti è stato quello di Pradello, solitamente luogo di ritrovo per i più giovani, con la creazione di una pagina Facebook e di un gruppo in "opposizione" alla decisione del sindaco di introdurre un biglietto di ingresso di 4 euro e di contingentare gli accessi alla zona verde.
Ad ottobre inoltrato, dunque, l’Amministrazione fa i conti rispetto alle scelte prese. Come anticipato, la novità principale è stata quella dei "ticket" per i tre parchi sopra ricordati: dei tre, solo il responsabile dell'Ulisse Guzzi - già vincitore di un bando comunale per la gestione della zona - ha fatto applicare le norme quotidianamente; in quello di Chiesa Rotta e al Pradello, invece, la cooperativa Ad Maiora ha deciso di lasciarle in vigore solo nelle giornate di maggiore afflusso.
“Al Parco di Chiesa Rotta, la gestione della cooperativa si è sviluppata per 2 giorni a luglio, 24 ad agosto e 4 a settembre, con una media diurna di 145 accessi e un incasso complessivo di 12.378 euro. Al Pradello, invece, i numeri parlano di 6 giorni a luglio e 17 nel mese successivo, con una media di 62 ingressi ed entrate per 4.676 euro”. I dati - in attesa di quelli dell'Ulisse Guzzi - raccontano di un introito totale di 17.054 euro, grazie proprio ai ticket.
La spesa sostenuta dal Comune - come ha fatto sapere l’Amministrazione - è di 16.758 euro per la gestione dei due parchi, a cui però va aggiunta la somma di 7.308 euro per il servizio di controllo della passerella a lago che fa da collegamento tra le aree balneabili: quest’ultima, nello specifico, è stata sostenuta attingendo a fondi già presenti nelle casse comunali.
Per quanto riguarda le spiagge, l’Amministrazione ricorda che l’accesso è rimasto libero: "La novità, in tema di contenimento dell’epidemia, ha riguardato alcuni attori economici della riviera (gestori dei parchi ed esercenti), i quali hanno garantito il contingentamento dei flussi di persone e il distanziamento sociale sui lidi grazie a un accordo con l’Autorità di Bacino, che ha consentito loro di posizionare lettini o sdraio su una superficie pari al 33% dell’area in cui erano rispettate le misure di sicurezza".
Un’attenzione particolare è stata infine dedicata alla questione delle bottiglie e dei rifiuti presenti nelle zone a lago, tant’è che Azzoni ha deciso di emanare un’ordinanza che vietasse la somministrazione delle bevande in vetro all’interno dei parchi, così come ha proibito l’utilizzo di contenitori dello stesso materiale nelle aree aperte al pubblico.
"Vogliamo ringraziare sentitamente tutti i volontari che hanno contribuito al servizio d’ordine, tutti gli attori coinvolti in questa grande operazione di sicurezza e tutti i cittadini che hanno continuato, anche quest’anno, a frequentare il nostro meraviglioso lago” hanno concluso dall'Amministrazione.
A.A.
© www.leccoonline.com - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco